Post

Visualizzazione dei post da 2018

Ascolti di dicembre 2018

Ed eccoci al consueto appuntamento mensire che riguarda quello che ho ascoltato piú o meno intensamente durante il mese, l'ultimo del 2018.

Quest'anno come uscite da studio non é stato eccezzionale, ma devo ammettere che sono usciti un sacco di bellissimi live album: qui sotto, fra i miei ascolti assidui, trovate quello degli Accept con tanto di orchestra al seguito, quello alla Royal Albert Hall di Beth Hart cosí come quello degli Steelheart registrato in quel di Milano (anche se quest'ultimo non passerá certo alla storia, onestamente). Ah, parlando sempre di live, se apprezzate Steven Wilson tuffatevi tranquillamente nel suo nuovo live (sempre alla Royal Albert Hall).

A parte i live ho ascoltato molto la bella raccolta dei Def Leppard, The story so far, il nuovo album creato da Jason Becker (se conoscete la sua storia sapete perché ho usato la parola "creato"), su consiglio trovate fra i miei ascolti anche l'ultimo dei Seventh Wonder, poi un vecchio album d…

L'angolo brutale: Dismember

Immagine
A cura di Simone Riccobono

Oggi voglio parlarvi dei Dismember, un gruppo svedese estremo che si ė formato a fine anni ottanta, anni in cui il Death Metal e sottogeneri estremi vari cominciavano a prendere forma alla grande.

Questi ragazzacci hanno capito tutto dalla vita: nel 1991 debuttano con un album storico, pazzesco, uno dei migliori del genere, riconoscendo però che le registrazioni del suddetto album non erano di qualitá eccelsa. Il disco é composto da melodie cattive che peró riescono anche a dare respiro all'ascoltatore, condito anche con assoli anch'essi melodici, con delle sonoritá che ci fanno intuire che si sta ascoltando un gruppo proveniente dalle regioni balcaniche, tutto questo tenendo a mendo che il metal estremo melodico é stato inventato una band inglese che porta il nome "Carcass" nel 1993, nello specifico con il disco Heartwork.

Ritornando ai Dismember... Ilgruppo sfortunamente non ha avuto il successo che avrebbe forse meritato, a differenza di…

Le mie canzoni: Desert train

Immagine
Oggi vi do qualche informazione random su quella che é la title track del mio ultimo album, Desert train. Ormai comincio a farmi vecchio e le mie insofferenze (spesso solo parzialmente giustificate) aumentano di anno in anno ed escono fuori in quasi ogni mio testo.

Se volete sapere di cosa mi lamento in questa canzone, dovete cliccare play per scoprirlo.
Vi dico solo che ultimamente sono andato ad un open mic e dopo aver cantato questa canzone il presentatore ha detto che di testi ne ha sentiti, ma mai che parlassero di questo. Insomma, i miei lamenti sono unici.

Le delusioni del 2018

Immagine
Dopo aver stilato la classifica delle 10 migliori canzoni e dei 10 migliori album (cliccate sui rispettivi link, se ve le siete perse e ci tenete) dell'anno in corso, beccatevi anche qualche parola su qualche album che non mi ha lasciato, diciamo cosí, molto contento.

Non mancate di farmi sapere i vostri pareri e quali sono stati gli album che vi hanno deluso di piú durante questo 2018.vDi seguito trovate i miei:

Muse- Simulation Theory
Il gruppo di Matt Bellamy esce parecchio dal seminato e ci propone una musica per palati (molto) differenti. Sicuramente un palato che non é il mio, dato che non voglio riascoltare l'album in questione manco per sbaglio. Ho fatto una recensione decisamente negativa e pensavo di prendermi solo insulti, invece la maggior parte dei commenti supportava le mie opinioni, segno che la svolta non é stata molto apprezzata dal grande pubblico (a parte i sostenitori accaniti della band).
Matt, tornate a fare rock che é la cosa che vi riesce meglio, ascolta…

Top 10: Album 2018

Immagine
Ed eccoci arrivati alla consueta classifica di fine anno, con le mie preferenze del 2018.  Vi ho chiesto se preferivate il formato video a quello scritto e avete scelto questo, quindi beccatevi il video. In compenso, per chi ha votato il formato scritto potete dare un'occhiata alla top 10 sulle singole canzoni dell'anno in corso. (se ve la siete persa potete recuperare cliccando qui senza paura
Tornando a noi, onestamente il 2018, a parte un paio di cose, non é stato un grandissimo anno ma il prossimo anno promette piú che bene. 
Chi ci sará al numero 1? Avete dubbi? Non mancate di farmi sapere le vostre opinioni e qual é stato il vostro album preferito dell'anno in corso. Ora potete cliccare sul video con la mia classica espressione sveglia e intelligente.


La scheda - Lights out

Immagine
- GENERE
Punk Rock

- LINE UP ATTUALE
Walter Bosetti – Voce e Chitarra
Riccardo Franzini – Basso
Francesco Trebbi – Chitarra
Stefano Caniati - Batteria

- ALBUM/ EP/ DEMO ALL'ATTIVO
Older and Louder – Full lenght album – 2014
AA/VV Italian Punk Goes Acoustic vol. 2 (Train – Cover LagWagon)
AA/VV Italian Punk Goes Acoustic vol. 3 (I Know Huh? - Cover Vandals)
Rotten Stramorten – Full lenght album - 2018

- INFLUENZE
NOFX, LagWagon, Millencolin, Vandals, Ataris, Rancid, Alkaline Trio

- DI COSA PARLANO I TESTI
I testi parlano di esperienze personali sia banalmente quotidiane che liricamente poetiche, come la signora alla cassa del supermercato o un astronave di aliene che ci viene a conoscere o amarcord degli anni 80…

- ESIBIZIONE LIVE CHE RICORDERETE PER MOLTO TEMPO
Di solito ci ricordiamo poco delle serate ma crediamo che siano tutte indimenticabili.

- UN ANEDDOTO DIVERTENTE CAPITATO ON STAGE O IN STUDIO
I nostri concerti sono pieni di bizzarrie, anche a causa dell’alcool che scorre tra no…

Top 10: Duetti

Immagine
Oggi sono qui per proporvi una top 10 con qualche duetto interessante del mondo rock/metal. Qualcuno me l'ha richiesta ed eccomi qui, puntuale, a proporvela. 
Credo che qualche canzone presente in questa "classifica" potreste anche non conoscerla, questo potrebbe essere un buon motivo per guardare il video.

Come al solito, non mancate di farmi sapere le vostre opinioni aggiungendo anche quale duetto avrei dovuto inserire e che ho clamorosamente mancato. Ok, beccatevi il video, adesso

Le migliori canzoni del 2018

Immagine
Ed eccoci alla consueta classifica di fine anno riguardante quelle che sono state le canzoni migliori di questo 2018, perlomeno secondo il sottoscritto. Prendetela con le pinze, come sempre.

Come nelle altre classifiche, se volete ascoltare la canzone in questione ma non vedete il video, potete cliccare sul titolo e vi si aprirá (spero) in un'altra finestra. Se non sará cosí scrivetemi che mi vado a lamentare con Google. Non mancate neanche di farmi sapere le vostre opinioni e le vostre preferite.

Cominciamo.

10) Rats - Ghost 
Non sará musica per duri e puri, ma questa combo audio - video l'ho apprezzata parecchio. Ci sono un bel po' di soldi spesi dietro (sia nel video che nell'audio) ed il risultato é veramente ottimo. Ci avevo fatto anche un "primo ascolto" ma YouTube mi ha sapientemente censurato il video.



9) This time - The night flight orchestra
In realtá il nuovo album dei The night flight orchestra non mi ha soddisfatto come il precedente, ma qualche ca…

Primo ascolto: Avantasia - The raven child

Immagine
Primo ascolto lunghissimo per questo nuovo singolo degli Avantasia di Tobias Sammet.

Per l'album purtroppo dovremmo aspettare ancora un paio di mesi, ma possiamo gustarci in anticipo questa The raven child che... Anzi no, non farò commenti sulla canzone, dovrete guardarvi il lunghissimo video per sapere come la penso. La mia faccia però difficilmente mente.

Vi lascio la tracklist a fondo pagina (a proposito, mi ero sbagliato sul fatto che questa fosse l'opener del disco).


Tracklist:
01. Ghost In The Moon
02. Book Of Shallows  03. Moonglow  04. The Raven Child  05. Starlight  06. Invincible  07. Alchemy  08. The Piper At The Gates Of Dawn  09. Lavender  10. Requiem For A Dream  11. Maniac

Cosa uscirá nel 2019

Immagine
Dato che ho accennato in tantissime occasioni delle mie aspettative riguardo l'anno che verrá, ho pensato che a questo punto era meglio scriverci proprio qualcosa ad hoc perché, almeno sulla carta, il 2019 sará un anno col botto, ovviamente per quelli che sono i miei gusti.

Quali dischi che non vedo l'ora di ascoltare, quindi?

Il primo, in ordine di uscita, é quello della The Neal Morse band (25 gennaio) che ci propongono il seguito del magnifico The similitude of a dream. Il primo singolo Welcome to the world (clicca per il primo ascolto), promette piú che bene ed era quello che speravo di ascoltare dalla band.

Due altri dischi di cui giá sappiamo la data di uscita sono quelli dei Dream Theater (il 22 di febbraio, clicca qui per il primo ascolto del primo singolo), e degli Avantasia di Tobias Sammet (15 febbraio).
Tobias difficilmente sbaglia dischi (per questo ho giá comprato il biglietto per il tour), soprattutto se consideriamo che ha a disposizione quella qualitá di ospit…

L'angolo brutale: Children of Bodom - Under Grass And Clover

Immagine
A cura di Simone Riccobono

Nuovo singolo dei Finlandesi Children Of Bodom tratto dal decimo album Hedex, in uscita per la label Nuclear Blast l'8 Marzo 2019.

Partiamo dal principio, il leader cantante - chitarrista Alexi Laiho ha dichiarato che questo lavoro sarà un ritorno dei COB più portentosi e, mentre "Under Grass And Clover" era in fase di scrittura, ė subito diventata una delle sue canzoni preferite: veloce, melodica, oscura, pesante e a tratti breve e dolce. Suddetta dichiarazione ha smosso un po' gli animi dei fan, che si si sono indignati pensando che il pezzo sia assolutamente da cancellare nella storia del gruppo, che si aspettavano un ritorno con chitarre più pesanti come avevano fatto con Are You Dead Yet? o che volevano i Children Of Bodom dei primi album.

Qui metto subito le mani avanti dicendo: "de gustibus"... Ma ora vi dirò la mia personale opinione.

Sappiamo bene che quando una band o artista ha avuto successo, la maggior parte delle vol…

Primo ascolto: Dream theater - Untethered Angel

Immagine
Ed eccoci qua, con un primo ascolto di uno dei miei gruppi preferiti in assoluto, i Dream Theater. Come (forse) saprete, ho odiato profondamente l'ultimo The Astonishing (clicca qui se vuoi ascoltare una lunga e tediosa recensione) quindi sono molto positivo riguardo questo nuovo album che si chiamerá Distance over time e uscirá il 22 febbraio.

Perché sono positivo? Perché penso che sará difficile fare peggio dell'ultimo, solo per questo.
Sará cosí? Scopritelo cliccando play sul video sotto, nel frattempo vi lascio anche la tracklist che, se notate, é estremamente snella rispetto agli standard della band. Pensate che la canzone piú lunga dura 9 minuti. Vabbé, vi lascio al video e aspetto i vostri commenti. 

Tracklist: 1. Untethered Angel (6:14)
2. Paralyzed (4:17)  3. Fall Into The Light (7:04)  4. Barstool Warrior (6:43)  5. Room 137 (4:23)  6. S2N (6:21)  7. At Wit’s End (9:20)  8. Out Of Reach (4:04)  9. Pale Blue Dot (8:25)  10. Viper King (4:00) (Bonus)

Primo ascolto: The Neal Morse band - Welcome to the world

Immagine
Ecco uno dei tantissimi dischi che usciranno nel 2019 e che sto aspettando con estrema impazienza.

Come saprete se seguite il blog, ho apprezzato moltissimo il concept album The similitude of a dream della The Neal Morse band che mi ha portato ad intervistare il mitico Mike Portnoy e ad assistere al bellissimo concerto alla 02 di Islington, ovviamente a Londra (se cliccate sui link colorati vi si apriranno le pagine come per magia)

Tornando a noi, ecco il primo ascolto del nuovo singolo che porta il titolo di Welcome to the world. Nel video sottostante vi le mie impressioni in tempo reale.

Di seguito vi lascio anche la lunga tracklist di quello che sará ancora una volta un doppio CD, in uscita il 25 di gennaio.


Act I:

Chapter 1 (12:50)
1. Overture
2. The Dream Isn’t Over

Chapter 2 (23:48) 3. Welcome To The World
4. A Momentary Change
5. Dark Melody
6. I Got To Run
7. To The River

Chapter 3 (17:59)
8. The Great Adventure
9. Venture In Black
10. Hey Ho Let’s Go
11. Beyond The Borde…

Recensione: The Story So Far: The Best Of Def Leppard (2018)

Immagine
Non sono un grande fan dei Def Leppard (a causa del loro sound secondo me troppo patinato) ma questa é davvero una bella raccolta, a partire dalla bella ed essenziale copertina che vedete qui sopra.

The story so far rappresenta, da profano, il meglio della band inglese con qualche bella sorpresa (perlomeno per me, che non conosco l'intera discografia della band) nel secondo CD. A scanso di equivoci sappiate che non mi riferisco alla trascurabile We all need Christmas che abbiamo ascoltato insieme di recente, quella la troverete (fortunatamente, per quanto mi riguarda) solo nell'edizione in vinile. 
L'edizione che si trova sulle piattaforme digitali é quella a 2-CD, ma se volete, trovate pure l'edizione CD singolo, con quella che é la selezione essenziale della band: le varie Animal, Pour Some sugar on me, Let's get rocked, Love bites, Hysteria, Rock of ages e compagnia bella ci sono tutte, completate da una cover secondo me molto riuscita di un pezzo dei Depeche Mo…

L'angolo brutale: Kreator

Immagine
A cura di Simone Riccobono

I Kreator tornano alla ribalta nel 2001 con il decimo album in studio intitolato "Violent Revolution", primo lavoro post 2000 della band Tedesca che segna il ritorno al sound Thrash Metal incazzato, che accontentó molti fan dopo due album sperimentali di industrial/gothic di metà anni novanta (e che ne aveva delusi altrettanti).

Mille Petrozza, pensate, di origini di Catanzaro, ritornò al sound che gli ha resi storici nel metal e soprattutto in Germania, come da quelle parti sanno ben fare: Thrash molto più cattivo rispetto agli Americani, suonato con furia e velocità. Se devo trovare degli elementi di novità, la voce di Mille non ė più come una volta, non sputa veleno e rabbia come quando era sulla fascia dei vent'anni e nello specifico con "Pleasure To Kill" del 1986, bensí la troviamo molto rauca e acida, ma gioco forza l'etá si fa sentire anche per il nostro zietto Petrozza.

Un'altra novità sta proprio nella musica: la band…

Top 10: Metallica

Immagine
Eccovi, anche in versione video, anche la top 10 dedicata ai Metallica. La scelta é rimasta la stessa rispetto a quella che avevo fatto in versione "scritta" qualche anno fa.

Insomma, beccatevi quelle che sono le mie dieci canzoni preferite dei 4 horsemen e scusate per il solito errore di dimenticanza (questa volta é alla numero 9).

Non mancate di farmi sapere le vostre opinioni, anche se credo che grosso modo (dico grosso modo) le top 10 sui Metallica abbiano scelte abbastanza condivise e obbligate. Mi sbaglio?

Ascolti di novembre

Novembre ricco di uscite e ricco di nuovi ascolti.

Nella lista qui sotto troverete un sacco di roba che ho recensito recentemente, tipo l'ultimo bellissimo live con l'orchestra degli Accept, la mega antologia di Chris Cornell, il discreto ritorno degli Smashing pumpkins, il nuovo disco acustico di Blaze Bayley e anche l'ultima ciof, ehm... fatica dei Muse.

Ho letto recensioni entusiaste del nuovo disco dei Witherfall, a prelude to sorrow e l'ho ascoltato un sacco di volte, ma veramente tante. L'ho trovato veramente interessante sotto un sacco di punti di vista, ma alla fine non mi ha preso. Ma posso capire perché molti pensano sia il disco dell'anno. Gusti, come sempre e come dico sempre.

Poi ho ascoltato molto anche l'ultimo, piú bizzarro del solito, album dei Tenacious D, Post - Apocalypto, e album a caso dal passato di Anneke Van Giersbergen e di John Norum. Non me ne vogliate, ma continuo ad ascoltare A star is born di Lady Gaga e Bradley Cooper.

Voi co…

Le mie cantanti Rock preferite

Immagine
Oggi volevo parlarvi brevemente di voci femminili nel rock e di quelle che sono le mie preferenze.

Pur apprezzando tantissime cose qui e li, non posso certo dire di essere un fan accanito di come la voce femminile si sposi con le sonoritá Rock. Ci sono delle eccezioni peró, cioè esponenti del gentil sesso (si fa per dire) che mi emozionano un sacco.

Anzi, aspettate. Invece di partire in quarta, faccio prima qualche citazione d'obbligo per voci che apprezzo molto come Janis Joplin, Alanis Morissette, Tina turner, Anastacia, la nostrana Elisa (quella rock degli esordi, non quella attuale) alle quali aggiungo una Lady Gaga che sto molto rivalutando per alcuni aspetti (quando non canta quelle canzoncine del cavolo, sia chiaro). Ah, tra le altre cose, proprio nel momento in cui scrivo, sto ascoltando un bell'album di Anneke Van giersbergen. Spero la conosciate perché merita.

A parte questi nomi ci saranno sicuramente un sacco di cantanti che sto dimenticando, oltre al fatto che ci …

Recensione: Accept - Symphonic Terror - Live At Wacken 2017

Immagine
Grandissimo rispetto per gli instancabili Accept, che ultimamente non si fanno aspettare piú di tanto per nuove pubblicazioni. Questa volta non è un nuovo album da studio, bensì un live con tanto di orchestra, registrato al Wacken dello scorso anno.

Questo Symphonic Terror mi è piaciuto moltissimo, ma se seguite il blog saprete di certo che ho un debole per i live con tanto di orchestra al seguito. In realtà non so se l'orchestra è appropriata al 100 percento per un gruppo e per un materiale come quello gli Accept, ma va benissimo cosí.

Come potete vedere dall'ampia tracklist a fondo pagina, il concerto è diviso in tre parti: la prima dove ci sono solamente gli Accept e con canzoni prese prevalentemente dalla loro ultima produzione, la seconda parte che vede protagonista l'orchestra e il chitarrista Wolf Hoffmann che ricama tessiture metal con l'orchestra alle sue spalle per un repertorio esclusivamente di musica classica. Tranquilli, guardando i titoli sono rimasto c…

L'angolo brutale: Immortal

Immagine
A cura di Simone Riccobono

Gli "Immortal", chi non ha mai sentito nominare almeno una volta il nome di questa band fondamentale per il black metal, formatasi nel 1990.

Impossibile non notare il carisma, il modo di apparire, ma soprattutto la simpatia e la goffaggine del cantante chitarrista, nome d'arte "Abbath", recentemente cascato a terra come una pera cotta mentre correva per raggiungere il palco, con la chitarra in mano e invogliato dal pubblico, con tanto di applausi da parte dei suoi fan. Vi invito a vedere i suoi momenti più divertenti, davvero comici. Possiamo anche affermare che ė uno di quei pochi artisti in campo estremo a non mostrarsi duro o spaccone, infatti gli Immortal sono un gruppo con tematiche assolutamente sobrie: i testi parlano di mitologia, sagre, e storia delle terre Norvegesi.

Tornando alla musica oggi voglio parlarvi di uno dei migliori album che "Abbath" e company abbiano partorito, ovvero: "Sons Of Northern Darkness&…

Primo ascolto: Queensryche - Man the Machine

Immagine
Foto di anteprima incredibile per questa nuova canzone dei Queensryche, Man the machine, che anticipa l'album che uscirá niente meno che a marzo 2019 (niente fretta, eh...)

Primo ascolto piú interlocutorio del solito in quanto pensavo di fare il mio solito monologo su quanto sia sbagliato scopiazzare qualcun altro, invece mi sono ritrovato un po' spiazzato (da qui probabilmente la mia espressione allucinante)

Vabbé, beccatevi il primo ascolto di questa Man the machine.

Recensione: Smashing Pumpkins - Shiny And Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun. (2018)

Immagine
Ritorno sulle scene per i riuniti Smashing Pumpkins (ad eccezione della bassista D'arcy, fra mille polemiche) che ritornano sul mercato con questo disco dal titolo lunghissimo. Siete pronti? Si chiama Shiny And Oh So Bright, Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun. Come avete letto (forse) é il volume uno, il secondo volume potrebbe vedere la luce nel 2019.

Ok, ma come suona questo ritorno di Billy Corgan e soci?

Innanzitutto il disco ha un minutaggio che mi piace (di poco superiore ai 30 minuti) e solamente 8 brani, come si faceva un tempo. Poi, secondo me, suona molto coerente in quanto ha molti elementi della vecchia anima degli Smashing, ma in diversi brani notiamo che i nostri non hanno più 30 anni.

Prendiamo l'opener Knights of Malta, per esempio, dove si nota che la band é a proprio agio con delle sonorità più rilassate e mature. Stesso dicasi per With Sympathy o Alienation. E' una cosa che mi é sempre piaciuta, perché vuol dire che la band prova ad essere coerente…

Recensione: Blaze Bayley - December Wind (2018)

Immagine
Un po' inaspettato questo December wind di Blaze Bayley, personaggio che credo stia simpatico un po' a tutto l'universo metal per tante ragioni. Prima di tutto Blaze é uno che si é sempre dimostrato  persona vera, coerente e uno che é sempre andato avanti per la sua strada, nonostante alcune vicende personali e professionali che avrebbero abbattuto chiunque: prima la cacciata dalla heavy metal piú popolare del pianeta (nonostante un discreto primo periodo) e poi la tremenda scomparsa della moglie/manager.

Dopo la sua ultima gradevolissima trilogia (che trovate recensita su queste pagine), Blaze ci propone un disco acustico realizzato insieme al chitarrista Thomas Zwijsen. I due ci propongono dei nuovi pezzi realizzati con chitarra e voce e la rielabolazione di 2AM presa da The X factor degli Iron Maiden. 
December wind é un disco da ascoltare a cuor leggero, con un'ineccepibile chitarra classica suonata da Thomas. Il  disco intero, peró, a mio parere avrebbe necessitat…

Recensione: Chris Cornell (2018)

Immagine
Accipicchia se é una bella raccolta/antologia, questa!

Intitolata solamente "Chris Cornell", é una perfetta retrospettiva su quanto fatto in carriera da quella che é stata una delle piú belle voci rock/grunge della nostra generazione.

Top 10: Queen

Immagine
E rieccoci qui con un'altra top 10, stavolta dedicata ai Queen.

Ultimamente, causa l'uscita di Bohemian Rhapsody (il film) ne ho parlato parecchio, forse pure troppo. A proposito, se non avete visto le recensioni, potete rimediare: trovate sia quella del film che della colonna sonora (cliccate sul rispettivo testo colorato, chiamato volgarmente link, per accedervi)

Vabbé, beccatevi quelle che grosso modo sono le mie 10 canzoni preferite della mitica band inglese.
Come al solito, non dimenticate di farmi sapere quali sono le vostre e perdonate, se potete, la mia solita espressione discutibile nell'anteprima del video.

La Scheda: Twenty Four Hours

Immagine
-Genere: 
Rock psichedelico/progressivo/art rock (Trait d'union fra anni '60, '70 & '80 = un Mix di Pop + Psychedelia + Progressive Rock & Post-Punk)

-Line Up attuale:
Antonio Paparelli = chitarre acustiche & elettriche
Paolo Lippe = voce solista, tastiere
Marco Lippe = batteria, cori
Paolo Sorcinelli = basso
Elena Lippe = voce solista & cori

-Album/EP all’attivo:
1991: "THE SMELL OF THE RAINY AIR" (LP tiratura limitata a 500 copie) - Twenty Four Hours Music.
1994: "INTOLERANCE" (CD) - Mellow Records.
1999: "OVAL DREAMS" (CD) - Musea.
2004: "THE SLEEPSELLER" (CD) - TFH Music/Musea.
2016: "LEFT TO LIVE" (CD) - Musea.
2018: "CLOSE LAMB WHITE WALLS" (CD Double) - Musea / Velut Luna.

Ristampe
1999: "THE SMELL OF THE RAINY AIR" (CD, ristampa + 4 bonus tracks) - Mellow Records.
2009: "OVAL DREAMS" (CD, ristampa) - MALS (Russia).
2012: "OVAL DREAMS" (LP, Edizione Audi…

L'angolo brutale: Nuclear assault

Immagine
A cura di Simone Riccobono

Ecco un grandissimo esempio di come Thrash Metal e Punk possano andare alla grande insieme. Non stiamo parlando di cover, qui stiamo parlando di una band che propone questo miscuglio, una band con le palle fumanti: i "Nuclear Assault" (e già dal nome si intuisce cosa trattano nei loro testi), band non molto conosciuta in ambito metal ma che ha fatto sicuramente cose grandiose!

Vi do una rinfrescata: il progetto vero e proprio nasce dalla mente del bassista Dan Lilker, un musicista che inizió la sua carriera militando nella famosa band Anthrax ancora agli esordi. Allontanato ben presto dalla band, proprio all'uscita del loro primo album del 1984, per il semplice motivo che non sapeva suonare al livello degli altri. Ben presto questo smacco gli fece venire una rabbia da formare, sempre nel 1984, a New York, il progetto "Nuclear Assault". 
Prese in formazione John Connelly alla voce e chitarra, Anthony Bramante alla seconda chitarra e Gl…

Recensione: Pearl jam - Riot act (2002)

Immagine
Oggi Riot act dei Pearl jam compie 16 anni e volevo parlarne un po' perché per me é un album molto importante. Lo é in quanto era il periodo in cui stavo conoscendo la band (in maniera quasi maniacale, dovrei aggiungere) e conseguentemente aspettavo questo disco con molta impazienza.

Primo ascolto: Joe Perry - Quake

Immagine
Un primo ascolto che mi ha lasciato estremamente confuso: ma é davvero Gary Cherone (Ex Etreme e Van Halen) che canta? Ancora non riesco a farmene una ragione.

In ogni caso... Beccatevi questo nuovo singolo di Joe Perry, Quake, al quale facciamo un grosso in bocca al lupo dato che un paio di giorni fa é stato ricoverato in ospedale dopo un'esibizione con Billie Joel al Madison Square garden.

Non si sa molto su quanto accaduto ma ovviamente speriamo di vederlo sul palco al piú presto, magari con Gary Cherone a cantare questa Quake, cosí mi convinco che é lui.

Chiedilo a Given to rock - Novembre 2018 (LIVE)

Immagine
Ok, ho provato a cambiare metodo per l'appuntamente live mensile ma l'audio é effettivamente terribile, scusate. Inoltre vi consiglio di guardare il video da Youtube cosí potrete guardare tutte le domande e interazioni, senza le quali sembro un pazzo che parla da solo. 

Fra i vari ascolti e citazioni, figurano (in ordine assolutamente casuale) Dream theater, Greta van fleet Architect, Sixx A.M, Sanctuary, Megadeth, The bates, Candlemass ed altri mille gruppi che mi avete consigliato ma che adesso non mi vengono in mente.

Scusate ancora per la qualitá audio (e per lo sfondo spoglio e bianco), proveró a fare meglio il mese prossimo.

Ci vediamo il mese prossimo!

Recensione: Muse - Simulation theory (2018)

Immagine
Stavolta parto con uno spoiler gigante e dico che questo Simulation theory é l'album piú brutto della carriera dei Muse, cosí se siete fan accaniti della band, potete incazzarvi ancora prima di premere play o potete addirittura non premerlo, se vi sta molto a cuore l'argomento e siete molto suscettibili.

Nel video cerco di motivare, come al solito in maniera molto rapida, il mio commento negativo su questo disco. Se volete dire qualcosa al riguardo, come al solito siete i benvenuti e ci possiamo anche confrontare, partendo ovviamente dal presupposto che la musica (in quanto arte) e i gusti sono sempre soggettivi.

Vi lascio anche la tracklist a fondo pagina.


Tracklist:
01.Algorithm
02.The Dark Side
03.Pressure
04.Propaganda
05.Break It To Me
06.Something Human
07.Thought Contagion
08.Get Up And Fight
09.Blockades
10.Dig Down
11.The Void

Luxury Eviction

Immagine
La polistrumentista, illustratrice e scrittrice Blair B. si allontana dalla sua regola auto-prescritta fatta di complicazioni, eccessiva saturazione e cacofonia per pubblicare una collezione nuda di intuizioni musicali.

Influenzata da nomi del calibro di Pink Floyd, Shirley Manson, Tori Amos, Imogen Heap, Portishead, Nine Inch Nails, e Garbage e meglio conosciuta per la sua potente voce nel gruppo rock alternativo Absinthe Junk, Luxury Eviction porta l'ascoltatore totalmente su altri lidi con il suo approccio minimalista con spesso una sola voce ed una strumentazione limitata.

Registrato con apparecchiature audio leggendarie di Abbey Road e della Capitol Records, è stato effettuato un editing minimo per conferire a ciascuna canzone una singola qualità di esecuzione.

Il risultato è un esame crudo e vulnerabile della condizione umana.


WEBSITE AND SOCIAL MEDIA:
http://luxuryeviction.com/
http://www.facebook.com/luxuryeviction
https://www.instagram.com/dablairb/
https://luxuryeviction…

Primo ascolto: John Garcia - Chicken delight

Immagine
Oggi un primo ascolto leggermente fuori dai miei gusti: un tuffo nello stoner rock con l'ex componente dei Kyuss, John Garcia (accompagnato dai "the band of gold", scusate ma mi é sfuggito il nome, nel video) per questa nuova Chicken delight.

Le canzoni che adoro: Skid row - Slave to the grind

Immagine
La solita "qualche parola" (come sempre, in tempo reale) su una canzone il cui riff mi ronza in testa da piú di 25 anni, Slave to the grind dei mitici Skid row con un Sebastian Bach al suo massimo e la band che gira a mille.

Chi di voi é ossessionato da questa canzone come me?

La scheda: Alessandro Orlando Graziano

Immagine
Genere:
Pop d'autore

-Line Up attuale
Alessandro Orlando Graziano

-Album/EP all’attivo
5 incluso Voyages Extraordinaires
1 come produttore artistico (Carla Boni / Aeroplani ed Angeli
Varie co produzioni e partecipazioni
Vari brano scritto per altri artisti



-Influenze
Roxy Music / Léo Ferré / Eurythmics / Giuni Russo / Giorgio Moroder / Nico

-Di cosa parlano i testi
Alcuni di quel che c’è fuori da me ed altri di quel che c’è dentro, un libro, un pensiero fugace, un’esperienza vissuta. Probabilmente il tema ricorrente è il viaggio della vita, da amare in ogni sua sfumatura.

-Esibizione live che ricorderai per molto tempo
Una mia partecipazione nel Teatro Valle durante la sua occupazione. Fu un’esperienza molto emozionante, un clima festoso in un luogo pieno di storia.

-Un aneddoto divertente capitato on stage o in studio
Chi lavora con me sa che le esperienze sono sempre imprevedibili in studio. Se scelgo musicisti bravi poi li lascio assolutamente liberi di giocare e proporre, spesso poi…

Recensione: Metallica: ...And justice for all (Remastered, deluxe edition)

Immagine
Come avevo fatto per Master of Puppets (clicca per vedere la recensione), provo a fare la stessa cosa anche per il suo successore ...And Justice for all, ovvero parlare del contenuto dell'edizione super deluxe (ancora una volta senza possederla, che genio che sono...).


Volevo anche lasciarvi l'enorme tracklist a fine pagina, ma il copia-incolla mostruoso mi ha scoraggiato, quindi beccatevi solamente un sorridente Kirk Hammett che fa l'unboxing del megacofanetto. Guardate come e' contento.

Primo ascolto: Slipknot - All out life

Immagine
Nuova uscita, per la veritá un po' inaspettata, per gli Slipknot di Corey Taylor che si ripresentano con questa nuova canzone All out life.

A dire la veritá non sono un grandissimo fan della band (ho il primo album e mi piace qualcosina qui e li), ma ho pensato ugualmente di fare questo primo ascolto con voi. Come al solito, non mancate di farmi sapere cosa ne pensate del pezzo.

Per la mia opinione... beh, dovete cliccare play.

Russ Still & The Moonshiners

Immagine
In un settore che attualmente vive di auto-tune, drum machine e modelli pop, i Russ Still and the Moonshiners portano un po 'di luce e autenticità alle radio. Composti da sei elementi che mescolano country, country rock e classic rock, hanno formato le loro radici ad Atlanta, Georgia e stanno attraendo gli interessi di ascoltatori affezionati al sound della costa occidentale degli anni '70, tra cui The Eagles e Poco, Southern Rock tra cui Marshall Tucker e il nuovo paese rock e artisti come Zac Brown, Jason Aldean e Jamey Johnson.

La band è composta dal frontman Russ Still (voce, chitarra, tastiere), Ben Still (chitarra, voce), Cam Still (piano), Ed Usher (basso, voce), Mitch Flanders (batteria, voce) e Roddey Phipps (chitarra). Con quattro dischi al loro attivo tra cui The Mission: Music (2006), The Russ Still Project (2013), White Lightnin '(2014) e il recente rilascio di Still Cookin', è sicuro che la band ha trovato un modo per fare la loro musica a modo loro.

Sec…

Ascolti di ottobre 2018

In questo ottobre mi sono applicato davvero su pochi album da studio, privilegiando prevalentemente raccolte o colonne sonore, qualcuna anche inaspettata. A quale mi riferisco? A quella di A star is born, ovvero canzoni cantate da Bradley Cooper e Lady Gaga. Strano vero? Estremamente, ma ho trovato quasi tutte le canzoni cantate da Bradley molto piacevoli da ascoltare e un paio di Lady Gaga (che definisco ballate rock) veramente spettacolari. Se vi sentite particolarmente aperte di mente, potete dargli un ascolto. Sappiate che anche Mike Portnoy ha apprezzato molto questa colonna sonora (e, come me, in particolare l'ultima canzone), quindi non mi sono completamente rincoglionito (o forse siamo rincoglioniti in due).

Per il resto ho ascoltato molto una raccolta dei Pink Floyd, quella nuova dei Queen, Bohemian Rhapsody, (ne ho parlato forse pure troppo, recentemente) e il nuovo megacofanetto dei R.E.M. at the BBC con tipo 1500 canzoni. Chiude il capitolo "raccolte" quella …

Top 10: drum intro

Immagine
Oggi una top 10 che lascia un po' il tempo che trova, forse piú delle altre, ma volevo condividere con voi alcuni degli intro di batteria del genere hard n' heavy che preferisco di piú.

Come prevedibile non mancheranno i grandi nomi e probabilmente molti degli intro che vi aspettate di trovare, alcuni sono proprio obbligati. Ovviamente non ve li scrivo adesso sennó vi toglierei il piacere (!) di guardare il video,

Come sempre, fatemi sapere che ne pensate e provate a non inveire contro il sottoscritto, se potete, anche per la maglietta.

Vi lascio al video, dai.

Recensione film: Bohemian Rhapsody

Immagine
Qualche giorno fa vi avevo parlato della colonna sonora di questo Bohemian Rhapsody (clicca qui per la recensione) e vi avevo in qualche modo promesso che vi avrei parlato anche del film, una volta guardato, quindi eccomi qui. Vi avviso che ci saranno  degli spoiler (ma non troppi), quindi se volete arrivare totalmente "vergini" al film, vi consiglio di passare nuovamente sul sito, dopo la visione.

Recensione: Soulfly - Ritual (2018)

Immagine
Sapete quando vi avvicinate ad un disco ma sapete giá che probabilmente non arriverete neanche a metá e lo eliminerete per sempre dalla vostra memoria dopo mezzo ascolto? Ecco, con questo spirito mi sono avvicinato a questo Ritual, nuova creatura di Max Cavalera e dei suoi Soulfly, molto simili all'altra creatura di Max, i Cavalera conspiracy: lí suona la batteria il fratello Igor, qui suona il figlio Zyon (sempre in famiglia...), mentre il chitarrista Marc Rizzo é presente in entrambe le band.

Recensione: Queen - Bohemian Rhapsody (OST 2018)

Immagine
Ed eccoci di fronte all'ennesima raccolta dei Queen. A quota quante siamo? Fra live album e raccolte ho perso il conto.

La scusa per quest'ultima uscita é il film Bohemian Rhapsody, di cui penso abbiate sentito parlare spesso, addirittura ben prima della sua realizzazione. Film che tra l'altro è già al cinema e che voglio andare a vedere quanto prima. Magari avrò modo di parlare anche di quello che succede nello schermo ma in questa occasione siamo qui per parlare della colonna sonora e di nient'altro.

Cosa troviamo in questa raccolta, quindi? In realtá tante cose interessanti, anche per un vecchio amante della band come me: pur essedo una sorta di retrospettiva in ordine (vagamente) cronologico e con tanti (abbastanza obbligati) successi della band, troviamo tante versioni alternative e diverse versioni live mai uscite ufficialmente.

Molto interessante Doing all right cantata oltre che da Roger Taylor e Brian May, anche dal vocalist che ha preceduto Freddie quando an…

Primo ascolto: Def Leppard - We all need Christmas

Immagine
Il 30 novembre uscirá una nuova raccolta dei Def Leppard, che conterrá una canzone dal titolo inquietante (per i metallari puri): We all need Christmas. Sará agghiacciante?

Ascoltiamola insieme, nel frattempo vi lascio l'infinita tracklist a fondo pagina, cosi potete valutare se puó fare al caso vostro.



The Story So Far:

Disc 1:
‘Animal
‘Photograph’
‘Pour Some Sugar On Me’
‘Love Bites’
‘Let’s Get Rocked’
‘Armaggedon It’
‘Foolin’
‘Two Steps Behind’
‘Heaven Is’
‘Rocket’
‘Hysteria’
‘Have You Ever Needed Someone So Bad’
‘Make Love Like A Man’
‘Action’
‘When Love & Hate Collide’
‘Rock of Ages’
‘Personal Jesus’

Disc 2:
‘Let’s Go’
‘Promises’
‘Slang’
‘Bringin’ On The Heartbreak’
‘Rock On (Radio Remix)’
‘Nine Lives’ (feat. Tim McGraw)
‘Work It Out’
‘Stand Up’
‘Dangerous’
‘Now’
‘Undefeated’
‘Tonight’
‘C’Mon C’Mon’
‘Man Enough’
‘No Matter What’
‘All I Want Is Everything’
‘It’s All About Believing’
‘Kings Of The World’

Chiedilo A Given To Rock - Ottobre 2018

Immagine
Diretta totalmente improvvisata (come al solito), partita in maniera molto tranquilla (pure troppo) per finire in semi-delirio, partendo da porno, gruppi da nomi indecifrabili e citofonatori incalliti.
Il bello della diretta, forse pure troppo.

Parentesi, siamo quasi a fine ottobre, ma pare di essere a giugno.

Recensione: Edguy - Mandrake (2001)

Immagine
Oggi vi parlo in maniera molto sbrigativa di un album che mi é sempre piaciuto un sacco, ovvero Mandrake degli Edguy.

Questo é secondo me il miglior disco della carriera del gruppo tedesco, capitanato da quelgeniaccio di Tobias Sammett. So che in molti non saranno d'accordo con me, insultatemi con moderazione, peró.

Reunion per i Nirvana?

Immagine
Se girate per la rete probabilmente avrete giá visto la sorta di mini-reunion dei Nirvana. Nel caso non fosse cosí, scrollate che ve la lascio a fondo pagina.
In pratica dopo un concerto dei Foo fighters,  Dave Grohl, Krist Novoselic and Pat Smear hanno suonato Smells Like Teen Spirit, In Bloom e altre quattro canzoni in compagnia di Joan Jett, Brody Dalle and John McCauley.

Bene, pare si stia spargendo la voce che questo "esperimento" (non so come meglio definirlo) possa non essere isolato e i concerti potrebbero essere altri.

Come la vedo io? Beh, se é vero che i Nirvana erano senza dubbio la creatura di Kurt Cobain, che era sia la voce che la mente della band, é anche vero che mi ha fatto molto piacere ascoltare canzoni che non venivano suonate da tantissimi anni.

Quindi il mio punto di vista é "Perché non suonarle, se la gente vuole ascoltarle? Non é un peccato lasciarle lí a marcire?" Oltretutto l'interpretazione di John McCauley mi é piaciuta parecchio (s…