Passa ai contenuti principali

Recensione: Savatage - Return To Wacken (2015)

Il 30 luglio i Savatage si riuniranno straordinariamente per un'unica data al Wacken e allora che si fa? Si fa un greatest hits con il nome Return To Wacken, con il pretesto di usare una manciata di brani che hanno in precedenza suonato nelle loro precedenti apparizioni al festival.

Avete giá intuito che sono abbastanza scocciato da questa uscita, prima di tutto perché sintetizzare i Savatage con un greatest hits é impresa decisamente difficile, dato che la band é solita pubblicare concept album e dato che due cantanti (Jon Oliva e Zack Stevens) si sono avvicendati durante gli anni. Ma su questo sorvolo, perché a volte i greatest hits "servono". Quello che mi scoccia maggiormente é il fatto che la maggior parte queste canzoni di questo greatest hits fanno giá parte della raccolta del 1995 "From the Gutter to the Stage", cosa che rende questo Return to Wacken (titolo piú brutto non potevano pescarlo) praticamente un sottobicchere. Le conto, 8 tracce su 11 fanno giá parte di quel titolo. 5 anni fa, inoltre, é giá uscito un greatest hits piú corpulento in due dischi che riassume abbastanza bene (per quanto possibile), la carriera della band. Si cerca quindi di fare un po' di soldi attraverso l'evento della reunion, cosa legittima per caritá, ma magari un po' di inventiva in piú non guasterebbe.

A scanso di equivoci, le tracce che che vedete sotto sono superbe, ma se proprio dovete acquistare un greatest hits acquistate quello citato sopra che ha 4 brani in piú (e altri 4 nella limited, se riuscite ancora a trovarla), oltre ad un titolo appropriato.

Tracklist
01. Hall Of The Mountain King
02. Gutter Ballet
03. Believe
04. Chance
05. Edge Of Thorns
06. The Wake Of Magellan
07. Dead Winter Dead
08. Hourglass
09. Tonight He Grins Again
10. Prelude To Madness
11. When The Crowds Are Gone

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I piú cliccati della settimana

Recensione: Magni animi viri - Heroes Temporis, World edition (2016)

Videorecensione: Foo fighters - Sonic Highways

Top 10: Canzoni rilassanti

Recensione: The Night Flight Orchestra – Amber Galactic (2017)