11/11/16

Top 10: I migliori testi degli Iron maiden

Ho provato a mettere insieme i 10 testi degli Iron maiden che mi piacciono di piú, ecco cosa ne é uscito. Ovviamente cambieró idea domani mattina, forse pure prima (nota la rima). Cominciamo.


10) These colours don't run - (A matter of life and death, 2006)

Bellissimo testo che condanna il concetto di guerra. I maiden hanno spesso parlato di questo argomento, ma questa canzone é una delle mie preferite perché non usa metafore e giri di parole ed é estremamente comprensibile a tutti.

"For the passion, for the glory
For the memories for the money
You're a soldier, for your country
What's the difference, all the same
Far away from the land of our birth
We fly a flag in some foreign earth
We sailed away like our fathers before
These colors don't run, from cold bloody war"

   

9) Can i play with madness (Seventh son of a seventh son, 1988)

Onestamente? Non so di cosa cacchio parli questa canzone (e non mi interessa neanche saperlo), ma il dialogo della seconda strofa mi piace cosí tanto che la metto in questa classifica a prescindere. Scusate.

"I screamed aloud to the old man
I said don't lie, don't say you don't know
I say you'll pay for this mischief
In this world or the next
Oh and then he fixed me with a freezing glance
And the hell fires raged in his eyes
He said you wanna know the truth son?
Lord, I'll tell you the truth
Your soul's gonna burn in a lake of fire"

 

8) Holy Smoke (No prayer for the dying, 1990)

Spassosissima canzone (e videoclip semi-amatoriale) che se la prende con dei telepredicatori americani che chiedono soldi (agli spettatori babbioni). Le ultime due frasi qui sotto sono abbastanza esplicative.

"Believe in me - send no money
Died on the cross and that ain't funny
But my so called friends are making me a joke
They missed out what I said like I never spoke
They choose what they wanna hear - they don't tell a lie
They just leave out the truth as they're watching you die
Saving your souls by taking your money
Flies round shit, bees around honey."

 

7) Alexander the great (Somewhere in time, 1986)

Mi piace quando gli Iron Maiden vogliono insegnarci/narrarci qualcosa di storico o letterario (penso che il 50% delle mie conoscenze storiche provengano proprio da Harris e soci. Quanta cultura...). E' la volta di Alessandro il grande. Mi ricorda anche una delle mie prime serate a Londra, quando, dopo diverse birre, cominciai a cantare ai miei nuovi colleghi senza un motivo plausibile la strofa qui sotto a ripetizione.

"Near to the east
In a part of ancient Greece
In an ancient land called Macedonia
Was born a son
To Philip of Macedon
The legend his name was Alexander"

 

6) The clansman (Virtual XI, 1998)

Questa volta si parla dell'indipendenza della Scozia e dell'eroe Wallace. Di Braveheart, insomma. Il testo, con quel "Freedom" piazzato in mezzo ha un sapore epico, soprattutto dal vivo. Anche cantato da Blaze, dai.

"Wake alone in the hills
With the wind in your face
It feels good to be proud
And be free and a race
That is part of a clan
And to live on highlands
And the air that you breathe
So pure and so clean"

 

5) 22 Acacia avenue (The number of the beast, 1982)

Ah, biricchini. 22 Acacia avenue é l'indirizzo di tale Charlotte (The harlot, che trovate citata nel primo omonimo disco), una prostituta con la quale Harris e soci allietavano le loro serate. Non sono mai stato a questo indirizzo, onestamente. Devo farlo, un giorno o l'altro. Sia chiaro che non mi aspetto di trovare Charlotte, oggi potenzialmente 65enne.

"If you're feeling down depressed and lonely
I know a place where we can go
22 Acacia Avenue meet a lady that I know
So if you're looking for a good time
And you're prepared to pay the price
Fifteen quid is all she asks for
Everybody's got their vice"

 

4) Run to the hills (The number of the beast, 1982)

Una delle pochissime canzoni politiche dei Maiden, che in Run to the hills si schierano apertamente a favore dei nativi americani massacrati in nome del nuovo mondo (per poi finire sotto le mani di Trump, bella fine...).

"White man came across the sea. 
He brought us pain and misery. 
He killed our tribes killed our creed. 
He took our game for his own need."


 

3) Dance of death (Dance of death 2003)

Anche qui, non so esattamente di cosa parli Dance of death, a quale storia si ispiri e tricchebballacche varie. Ma, anche qui, mi interessa poco: sentire cantare la prima strofa da un teatralissimo Dickinson é meglio di stare a teatro. Mi fa quasi credere di essere questo tipo trascinato in questa danza della morte.

"Feeling scared and I fell to my knees
As something rushed me from the trees
Took me to an unholy place
And that is where I fell from grace
Then they summoned me over to join in with them
To the dance of the dead
Into the circle of fire I followed them
Into the middle I was led"
 

 

2) Hallowed be thy name (The number of the beast, 1982)

Certo che i testi di The number of the beast erano proprio belli. Hallowed be thy name é la storia di un condannato a morte che aspetta la sua ora. Semplice semplice ma diretto e suggestivo. Pare proprio di essere lí. Brrr

"When the priest comes to read me the last rites 
I take a look through the bars at the last sights 
Of a world that has gone very wrong for me 
Can it be that there's some sort of error? 
Hard to stop the surmounting terror 
Is it really the end not some crazy dream? 

 

1) Rime of the ancient mariner (Powerslave - 1984)

I Maiden riuscirebbero probabilmente a farmi appassionare anche della cosa piú noiosa del mondo. Non é sicuramente il caso di questa Rime of the ancient mariner di Coleridge, ma se non fosse stato per i maiden col cavolo che avrei mai mostrato interesse per questa storia. Ed ero quasi tentato di comprare il libro, una volta.

"Day after day, day after day,
we stuck nor breath nor motion
As idle as a painted ship upon a painted ocean
Water, water everywhere and
all the boards did shrink
Water, water everywhere nor any drop to drink."

Share: