Passa ai contenuti principali

Recensione: Halestorm - Reanimate 3.0 The covers EP (2017)


Ennesimo EP di cover per gli Halestorm di Lzzy Hale che ritornano con questo Reanimate 3.0. The covers EP.
L'unica domanda che mi faccio è: perchè tutti sti EP di cover? Se proprio sono appassionati a coverizzare canzoni altrui non possono fare un unico album (tipo The spaghetti incident? dei Guns n' roses) invece di fare mille pubblicazioni di dubbia utilità? Tra poco si arriverà al punto di avere più uscite con cover che con pezzi originali. Mancanza di ispirazione? Non saprei. Di certo gli Halestorm non mi sono mai piaciuti per le pubblicazioni da studio, mentre sono rimasto folgorato dalla loro esibizione live a supporto di un certo Slash, ormai diversi anni orsono, quando una ragazza minuta mi stregò completamente con la sua voce.

Quello che so è che (come i precedenti) anche questo EP di cover non è affatto male: gli Halestorm mettono il loro tocco su alcuni classici del passato e il tutto non risulta imprescindibile ma molto gradevole all'ascolto. I classici riproposti risultano per forza di cose più moderni (se è un bene o un male lo lascio decidere a voi) e la voce di Lzzy Hale è sempre meravigliosa e sul pezzo. L'ho già detto da altre parti sul blog: Lzzy è una delle voci rock femminili più belle di sempre. Ok, l'ho detto.

Andando un pochino sul dettaglio delle canzoni, troviamo delle cover riuscite come quella di Still of the night dei Whitesnake o damn I wish I was your lover, che onestamente non conoscevo. Non ho grossi appunti da fare sui pezzi, tutte le registrazioni sono più che decenti (ma senza ovviamente la classe degli originali) e si fanno ascoltare piacevolmente, inclusa Fell on black days dei Soundgarden che mi rendeva un po' scettico. L'unica cosa che mi ha dato un po' fastidio è il ritornello della mitica Ride the Lighting dei Metallica che alzato di un'ottava mi stona un pochino. Ma sono gusti, magari ad altri piace. Per il resto tutto ok.

Halestorm, ok, vi piacciono le cover e le sapete fare. Ma quando ce lo regalate un disco da studio decente?

Tracklist:

01. Still Of The Night (WHITESNAKE cover)
02. Damn I Wish I Was Your Lover (SOPHIE B. HAWKINS cover)
03. I Hate Myself For Loving You (JOAN JETT & THE BLACKHEARTS cover)
04. Heathens (TWENTY ONE PILOTS cover)
05. Fell On Black Days (SOUNDGARDEN cover)
06. Ride The Lightning (METALLICA cover)


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I piú cliccati della settimana

Live report: Guns n' roses - Live at London Stadium 16/06/2017

Recensione: Magni animi viri - Heroes Temporis, World edition (2016)

Videorecensione: Foo fighters - Sonic Highways

Top 10: canzoni tristi