28/06/17

La scheda: Noisebusters


BIO
I NoiseBusters sono un gruppo "rock" formatosi nel 2011 a Roma. Dopo qualche mese di assestamento, si esibiscono come “cover band” in diversi locali romani ma, trovata la giusta alchimia, cominciano a creare pezzi inediti, che presenteranno poi anche dal vivo e con cui nel 2013 arriveranno alle finali regionali di "Emergenza festival", esibendosi con buon riscontro su palchi importanti di come quelli del BlackOut e di Stazione Birra.
Nel 2014, dopo numerosi concerti e dopo un cambio di formazione al basso, entrano in sala di registrazione per incidere il loro primo album "Carry Me Home", un lavoro composto da undici tracce sia in italiano che in inglese che passano da sonorità pop ad altre decisamente più rock, facendo coesistere le varie influenze artistiche dei componenti della band. Ne vengono estratti due singoli, "Dream of a night" e "Malinconia", che hanno girato su più di 150 radio italiane e su alcune radio estere. Nel frattempo riprendono l'attività live per continuare a diffondere la propria musica e promuovere il suddetto album.
Nel 2015, dopo un nuovo cambio di bassista, superano le selezioni regionali del "Cantagiro", importante festival di musica italiana emergente, trovandosi così ad esibirsi alle finali nazionali di Guidonia al Teatro Imperiale, ed il loro brano "Malinconia" viene selezionato per essere inserito nella compilation della manifestazione. Nel 2016 incidono il loro nuovo lavoro, uscito il 13 marzo 2017 sia in formato fisico che sui digital stores, l’ep “Endless Mirage”, una sorta di “mini” concept album che racconta il percorso del miraggio di un uomo in un mondo ormai devastato. Anche in questo caso il risultato è la raccolta delle idee artistiche dei musicisti, dando quindi alla fine un filo logico al prodotto con i vari intermezzi strumentali. Dopo un nuovo cambio nella sezione ritmica, questa volta alla batteria, si arriva alla formazione attuale, composta da Andrea Lupi alla voce, Matteo Camerini alla chitarra, Edoardo Cofano alle tastiere, Eduardo Lorenzo al basso e Federico Curto alla batteria.

GENERE
Non è mai facile identificarsi così in due parole. Sicuramente facciamo rock, non ci sentiamo di escluderci dal pop-rock e speriamo di essere anche hard rock. Stiamo inoltre sperimentando qualche suono più "elettronico"

LINE UP ATTUALE
Andrea Lupi alla voce, Matteo Camerini alla chitarra, Edoardo Cofano alle tastiere, Eduardo Lorenzo al basso e Federico Curto alla batteria.

Album/EP/Demo ALL'ATTIVO
Carry me Home (2014)
Endless Mirage (2017)

INFLUENZE
Siamo un gruppo composto da persone con influenze molto differenti tra loro. Abbiamo il funk per la sezione ritmica, prediligendo i Red Hot Chili Peppers, i Beatles ed il pop-rock per la tastiera, l'hard rock, in particolare i Deep Purple per la chitarra mentre il cantante predilige l'ecletticitá dei Queen.

DI COSA PARLANO I TESTI
Il nostro Endless Mirage è composto da testi che descrivono, appunto, un miraggio senza fine. Un miraggio di mondi visti da questo spettatore che ne immagina di nuovi perché quello in cui vive oramai lo sta distruggendo (metafora dell'uomo che sta uccidendo il mondo) 
E quindi alla ricerca di questo luoghi si perde nelle bellezze di questi miraggi, per poi domandarsi se fosse tutto semplicemente un miraggio o no, concetto espresso nell'ultima traccia "miraggio"

L'ESIBIZIONE LIVE CHE RICORDERETE PER MOLTO TEMPO
La semifinale dell'Emergenza Festival del 2013 al blackout rock club di Roma, fu la prima esibizione su un palco con luci ed impianto professionale, ma sopratutto con un pubblico "eccezionale" sotto di noi

UN ANEDDOTO DIVERTENTE CAPITATO ON STAGE O IN STUDIO
La prima ed unica volta che abbiamo suonato ad un diciottesimo, che è stato il concerto più lungo è meno sobrio della nostra "carriera". A 5 canzoni dalla fine si rompe il rullante del batterista, a quattro una corda del bassista, a due il mi cantino ed all'inizio dell'ultima cade la tastiera. Queste cinque canzoni componevano un medley, ci siamo fermati solamente quando la tastiera non si è più riaccesa. Teribbbbile.

I VOSTRI DISCHI PREFERITI IN ASSOLUTO
In ordine sparso:
Blood Sugar Sex Magic (Red Hot Chili Peppers), Machine Head (Deep Purple), A Night At The Opera (Queen) e The White Album (The Beatles)

CITATEMI UN ALBUM CHE PENSATE DI ESSERE GLI UNICI AL MONDO AD APPREZZARE
"The Yellow Shark", Frank Zappa arrangiato per orchestra. Una mina.

UN MUSICISTA CHE VORRESTE INCONTRARE PER FARCI QUATTRO CHIACCHIERE
Roger Waters, sarebbe un onore non così scontato.

COSA CHIEDERESTE NEL VOSTRO BACKSTAGE SE FOSTE LA BAND PIù IMPORTANTE DEL PIANETA
Ginseng, frutta esotica e un grande uovo di Pasqua. Prima di OGNI concerto, ovviamente.