20/09/17

Recensione: Hansen & Friends - Thank You Wacken (2017)


Sapevo dell'uscita di questo disco e avevo preventivato di non farci la recensione: "non puoi recensire ogni singola cosa che ti interessa, soprattutto quelle più insignificanti" ho detto a me stesso.
Beh, come avete notato ho cambiato idea. Perché? Semplice, perché questo Thank you Wacken è un bellissimo live album e mi diverte un sacco ascoltarlo, quindi eccomi qui a parlarne.

La scaletta di questo live dello scorso anno è composta per gran parte da canzoni a quel tempo sconosciute al pubblico e che sarebbero finite sul disco solista di Kay Hansen (cliccate qui per leggere la recensione di Three decades in metal) e da una serie di classici degli Helloween, il tutto condito con tanti ospiti e tanta interazione con il pubblico, cosa secondo me fondamentale nei live, che sennò diventano delle sorta di sale prove con il pubblico.

Le canzoni inedite (fino a quel momento) hanno decisamente un altro piglio rispetto a quelle da disco e la band suona benissimo. A parte forse la trascurabile All or nothing, canzoni come Born free, Contract song, Enemies of fun e Follow the sun funzionano alla grande con un Kay che nonostante qualche difficoltà sulle note alte (mascherate con tanto mestiere) trascina lo show ad alti livelli, aiutato da vari ospiti. Trovate il "cast" completo a fine recensione. Veramente grandi le esecuzioni di Ride the Sky e di Victim of fate, quest'ultima cantata prevalentemente da Frank Beck.

Fra le guest stars non poteva ovviamente mancare Mr. Michael Kiske (oramai lo si trova dappertutto) che però stavolta ho sentito leggermente in difficoltà sui due classici delle zucche (specialmente su Future world). Beh, abbiamo scoperto che è un essere umano pure lui, cantare 'ste canzoni è una faticaccia incredibile e ogni volta non comprendo come possa cantarle come se niente fosse. Don't do this at home, direbbe qualche spot pubblicitario. Chiude il live la sottovalutata (lo dice Kay, presentandola) Save Us, dal secondo Keeper of the seven keys.

Questo Thank You Wacken - Live è da intendersi come una sorta di divertentissima festa musicale organizzata da quel grande personaggio che è Kay Hansen.

Ascolto consigliatissimo, se vi piace il genere.

Formazione:
Kai Hansen – chitarra, voce
Michael Kiske - voce
Alex Dietz – basso
Eike Freese – chitarra
Michael Ehré – batteria
Corvin Bahn – tastiere
Clémentine Delauney – cori
Frank Beck – voce e cori

Tracklist:
1. Born Free 04:30
2. Ride the Sky (Hellowen) 07:48
3. Contract Song 06:39
4. Victim of Fate (Hellowen) 07:07
5. Enemies of Fun 10:19
6. Fire and Ice 07:58
7. Burning Bridges 04:35
8. Follow the Sun 05:08
9. I Want Out (Hellowen) 05:48
10. Future World (Hellowen) 05:21
11. All or Nothing 05:55
12. Save Us (Hellowen) 05:30