26/05/12

Recensione Van Halen- A different kind of truth (2012)

Ok, mi prendete per pazzo se dicessi che questo è uno degli album più belli in assoluto dei Van halen?
Beh, non mi interessa, lo dico lo stesso.

La formazione di questo disco: fuori Sammy Hagar e Michael Anthony, dentro Wolfgang Van Halen (figlio paffuto del chitarrista), e David lee roth (finalmente!!) che ricorda a tutti che il cantante dei Van Halen é lui, anche con il riporto. Sammy Hagar é un cantante sicuramente piú preparato a livello tecnico, ma non sempre il piú bravo é il piú adatto, no?


Nonostante il singolo Tattoo sia davvero bruttino (forse il pezzo più debole dell'album, ma molti grandi dischi hanno il loro punto debole nel singolo), i "vecchietti" ci danno dentro più che mai, sfornando pezzi tiratissimi come China town, As is o Bullethead che nel loro incedere ricordano la meravigliosa Hot for teacher, e per quanto riguarda gli assoli e le parti chitarristiche in genere, non fanno rimpiangere assolutamente nulla.  Altro canzone da tenere d'occhio é Stay frosty, praticamente un secondo episodio di Ice cream man. 
Se aveste dei dubbi sulla qualitá del disco, ascoltate uno di questi pezzi, vi sembrerá di tornare indietro nel tempo. C'é un trucco peró:


Il "trucco"  sta nel fatto che la maggior parte di questi brani non sono di recente scrittura, infatti loro stessi hanno dichiarato che questi pezzi sono stati concepiti nella prima parte della loro carriera e rispolverati per l'occasione. E si sente, aggiungo io.
Beh, sapete che vico? Chissenefrega. A different kind of truth è un gran disco, tutto il resto è fuffa.



Tracklist:

01. Tattoo
02. She's The Woman
03. You and Your Blues
04. China Town
05. Blood and Fire
06. Bullethead
07. As Is
08. Honeybabysweetiedoll
09. The Trouble With Never
10. Outta Space
11. Stay Frosty
12. Big River
13. Beats Workin'


 VOTO 7,5

Da ascoltare assolutamente: China town
Skip song: Tattoo

Share: