18/09/13

Recensione: Jack Johnson - From here to now to you (2013)

Ok, lo so, Jack Johnson non fa parte della categoria rock/ hard rock/ heavy metal, ma lo seguo da tempo e lo giudico delizioso (come artista, si intende), quindi me ne frego e posto la recensione ugualmente (fa anche rima, sono un poeta).

Diciamolo francamente, il buon ex-surfista Jack é sempre sulla stessa linea e non modifica di una virgola il suo sound. Se ascolti la sua discografia tutta di un fiato potresti definirla come un unico, lunghissimo album. Non fa eccezione questo From here to now to you: un album perfetto da ascoltare in riva al mare, al calar del sole comodamente sdraiato, oppure a casa, in una piovosa Londra, facendo finta che tu sia li. Vi assicuro che Jack é talmente bravo che (a volte) funziona.

Venendo piú dettagliatamente al disco: musicalmente non ho bisogno di spiegare nulla, se avete giá ascoltato qualcosa di Jack Johnson, é esattamente come quella, niente di piú, niente di meno. Pregio o difetto? Per me JJ (!) sa essere ripetitivo, ma mai banale. Le melodie che crea sono quasi sempre convincenti, perché si percepisce che crede ed é onesto con quello che fa A me, onestamente, questo basta.

A livello di liriche é un disco molto schietto ed introspettivo. Jack, in questo album, ci racconta il suo attuale mondo, ovvero quello dove lui é padre/marito/uomo realizzato. Il disco é stato volutamente realizzato nel suo studio casalingo (con la sua famiglia tra i piedi, come ha dichiarato in un'intervista) per ricreare pienamente l'atmosfera di casa: un omaggio alla sua compagna, (il singolo I got you) alle azioni quotidiane (Washing dishes), ai suoi figli (You remind me of you e Radiate), un ricordo della sua vecchia punk band ai tempi della scuola (Tape deck), Change con il fidato amico Ben Harper all'inconfondibile slide guitar e una registrazione piú recente di Home, giá presente in Sleep through the static. Insomma, ascoltare questa From here to now to you é quasi come leggere un piccolo libro sulla vita di Jack. Se apprezzate la sua musica, procuratevelo, non vi deluderá.


Note a margine: il disco é stato realizzato con energia solare e ha una bella confezione in digipack.

Voto 73/100

Top tracks: I got you, Shot reverse shot, Tape deck

Tracklist:
1.  I Got You
2.  Washing Dishes 
3.  Shot Reverse Shot 
4.  Never Fade 
5.  Tape Deck 
6.  Don't Believe a Thing I Say 
7.  As I Was Saying 
8.  You Remind Me of You 
9.  Radiate 
10. Ones and Zeros 
11. Change (with Ben Harper)
12. Home

Share: