28/02/14

Recensione: Away Minerva - My only radio (EP 2014)

Un po' di storia della band (copiata spudoratamente dalla loro biografia su Facebook): Gli Away Minerva sono 5 ragazzi di Roma. Formati nel 2011, nei primi mesi di prove il gruppo si concentra sull’esecuzione di brani delle storiche band dell’Alternative rock, come Radiohead e Incubus. Si lanciano quasi subito nella produzione di pezzi originali fino ad arrivare alla registrazione del loro primo EP, pubblicato nel Febbraio del 2014. A seguito delle registrazione avviene la sostituzione prima temporanea, poi definitiva del batterista. Il loro stile si inquadra in un Alternative Rock espresso in varie forme, variabile da duro e incalzante, a più lento e melodico.
Ora, non sono un fan dei gruppi citati sopra e non sono fan dell'alternative rock, ma quando una cosa é fatta bene, é fatta bene. E questo EP My only radio é fatto bene. Certo, i suoni potrebbero essere migliori e non tutto in generale é perfetto, ma le canzoni hanno il loro perché e la band da la sensazione di essere solida, con la testa sulle spalle e che sa benissimo cosa vuole e dove voglia andare a parare (non so cosa volessi dire, in realtá). Ottime le voci, curate benissimo con delle sempre opportune e ben studiate sovraincisioni e uno stile che mi riporta agli Incubus e ottimi anche tutti gli altri elementi, mai banali in quello che fanno. 
I 4 brani di questo My only radio sono tutti convincenti e realizzati con buone idee e personalitá. Il mio preferito del lotto é probabilmente l'opener nonché title track My only radio, bel pezzo energico che fa subito presa, ma merita una citazione anche la conclusiva Down below, con dei riferimenti (per me) chiari a Jeff Buckley.
Per quando mi riguarda, consiglio l'ascolto di questo EP. Lo trovate pure gratis online, che volete di piú?

Tracklist:
1) My only radio
2) Schola
3) breath of my soul
4) Down below