Follow by Email

02/05/14

Top 10: canzoni brutte (di band famose)


E' facile trovare canzoni brutte, il mondo ne é pieno. Meno facile trovare quelle cantate da nomi che, in qualche modo, hanno fatto la storia della musica o che godono di milioni di fan in tutto il mondo.
Vediamo cosa é saltato fuori da questa ricerca. Come al solito, i vostri commenti/insulti sono graditi. Oppure, ancora meglio, fate voi la vostra classifica. Intanto godetevi 'ste meraviglie.

Se non vedete il video, sotto la canzone, cliccate sul titolo e la canzone vi apparirá in tutta la sua bruttezza.



10) Judas priest - Turbo lover
Cosa intendeva esattamente Rob Halford con Turbo lover? Eiaculazione precoce? Me lo chiedo da vent'anni. E da vent'anni mi chiedo a chi possa piacere questa canzone, dato che é nei greatest hits e viene riproposta molto spesso dal vivo. Boh, quantomeno mi fa ridere, molte altre di questa classifica non fanno manco quello.



9)  Manowar - Blow your speaker 
Di pacchianate e cose ridicole i Manowar ne hanno fatte tante, questa forse é in cima a tutte... sembra una b-side di una band glam discutibile. Ma meglio non contraddirli sennó vengono a prenderci a casa (con le moto) per riempirci di botte.

8) Queen - Cool cat
Ebbene sí, anche i Queen in classifica. Certo, é una canzone di Hot space e in quell'album fanno cagare un po' tutte. Peró questa per me le batte tutte perché riesce ad essere fuori genere in un disco fuori genere. Insomma, un capolavoro, da questo punto di vista.



7) Iron Maiden - The angel and the gambler
Secondo me il punto piú basso della carriera degli Iron Maiden. Non é solo una canzone brutta, ma é una canzone che non sa dove vuole andare a parare. Una tastierina anni 70 (nelle intenzioni) e quei ritornelli ripetuti fino a che i nostri neuroni non ci salutano. Non so quante volte sono riuscito a finirla. 10 minuti di agonia. Don't you think I am the saviour... AAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHH BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

6) Red hot chili peppers - Cabron
Penso si commenti da sola... Mamma mia che calo compositivo improvviso che ha avuto questa band. La descrizione del video (cliccando sul link) dice che é delle canzoni piú sottovalutate dei RHCP, io forse avrei pietá a farla ascoltare anche al mio peggior nemico.

5) Chris Cornell - Part of me
Le cose sono due: o il buon Chris Cornell aveva perso una scommessa o aveva bisogno di fare taaanti soldi e ci ha provato con l'Hip-hop (o come diavolo si chiama) e con il produttore Timbaland (quello che lavora con il suo quasi omonimo Justin Timberlake). Io una roba del genere, da uno che ha dato la voce a canzoni superbe come Jesus Christ pose o Black hole sun, non la posso ascoltare, non ce la faccio proprio. Chris, ci manchi.



4) Metallica - Invisible kid
Da quella meraviglia che porta il nome di St.anger.
Non so cosa salvare di Invisible kid: lunga, noiosa, prolissa, inconcludente, con un suono brutto e con una brutta esecuzione. Il lato positivo c'é: quando registri una cosa del genere, sai che non puoi fare peggio di cosí.

3) Bryan adams - Don't give up
Vedi Chris Cornell alla posizione numero 4.
Bryan, ma che é sta robaccia? Ma soprattutto, perché la porti pure dal vivo? Io non lo farei neanche per tutto l'oro del mondo, ma magari non sono di larghe vedute io. Se non mi sbaglio c'é pure in qualche Greatest hits. Bah... Daiii, tutti in pista con Bryan...

2) Machine head - Bastards
Una canzone che mette a dura prova i nervi di tutti. Comincia male, ma l'ascoltatore ignaro non sa che quella, in realtá, sará la parte migliore della canzone e, alla fine, ringrazierá il cielo per poterla riascoltare di nuovo, in mezzo a tutto lo schifo senza senso della parte centrale. Se volete vedere il mio video di reazione, beccatevelo, cliccando qui. Quella é stata la prima e l'ultima volta che ho ascoltato il pezzo.

1) Green day - Nightlife
Anche i Green day provano a cambiare genere, anche solo per un attimo. Il livello della canzone... Beh, non dico niente, giudicatelo voi. Potete anche staccarla dopo 30-40 secondi, non sono cosí crudele da chiedervi di ascoltarla tutta. L'anterprima é gustosa, per caritá, ma probabilmente é per contrastare la bruttezza del resto