02/07/14

Recensione: Rooster Faces - omonimo (EP 2014)


Recensione a cura di Eli Brant.

Un debutto coi fiocchi! 

I catanesi Rooster Faces non sbagliano un colpo con il loro EP omonimo: 6 tracce di puro hard rock. I ragazzi conoscono bene la lezione, ma non si limitano solo a questo. La band presenta già un sound pieno ed immediatamente riconoscibile, riuscendo ad evitare le insidie del "già sentito" insite nei generi vintage. Al primo ascolto sopravvengono ricordi lontani degli Slash's snakepit, ma poi la voce graffiante ed il sound grezzo riportano alla luce anche sonorità più recenti com i primi DOWN. Sono solo impressioni che possono aiutare a delimitare a grandi linee il campo d'azione dei R.F. 

In questo EP, oltre agli ottimi virtuosismi chitarristici, c'è sicuramente da apprezzare l'accuratezza dei cori, davvero originali e opportunamente calibrati all'interno dei pezzi. Una chicca poi è certamente l'uso dell'armonica, che dona al sound dei Rooster Faces un piglio sudista molto indovinato. Una menzione speciale va anche alla registrazione, ottima anche in tempi di "magra" come i nostri. 

Se proprio si ha voglia di cercare il pelo nell'uovo, i R.F. peccano forse un pò di innocenza artistica. Manca ancora un pizzico di evoluzione nel sound, specie per quanto riguarda la fase compositiva dei brani che, alla lunga, tendono a somigliarsi tra loro. La voce, infine, molto caratteristica ed incisiva, a volte si sovrappone alla linea musicale, affaticando l'ascolto del pezzo. Sono solo alcune sbavature di un esordio ottimo che ci auguriamo possa avere presto una sua versione più completa in forma di album. Un grande in bocca al lupo ai Rooster Faces e ..buon ascolto! 

VOTO: 8

ROOSTER FACES
Antonio Spina-Vocals,lead guitar and harmonica
Fabrizio Galletta-Bass guitar
Claudio Vezzi-Rhythm guitar
Valerio Giannetto-drums


Pagina Facebook 



Share: