11/11/14

Recensione: Pain of salvation - Falling home (2014)


Mah, boh, buh. Ma a che serve? Penso sia il classico album di chi non ha nessuna idea nuova per fare uscire un disco, ma vuole (o deve) farlo lo stesso. Allora che fa? Si mette a rivisitare le proprie canzoni, inserendo un paio di cover e un inedito.

La classe di Daniel Gildenlöw è sempre tanta e questo disco realizzato prevalentemente in acustico ne da ancora una volta una prova, se ce ne fosse bisogno. Musicalmente le composizioni sono mostruose e, nella maggior parte dei casi, non perdono il loro perchè anche suonando decisamente più morbide delle versioni originali. Stress e Chain Sling, per intenderci, sono due bellissime canzoni anche con suoni più delicati, probabilmente sarebbero delle bellissime canzoni anche se fossero suonate con il Kazoo o il flauto pezzente che si suonava tra i banchi di scuola. La domanda, semmai, sarebbe: perchè? Capirei tranquillamente un live album acustico (l'idea è partita proprio da alcune date acustiche), ma un album da studio con cover, rivisitazioni e riarrangiamenti più o meno bizzarri lo capisco meno, per quanto realizzato bene, anzi, benissimo.

Ci sono due cover: una evitabilissima versione Soul/Jazz/Fusion/a cappella/non so di Holy diver di Ronnie James Dio e una versione abbastanza fedele (finale a parte) di Perfect day di Lou Reed che però senza la voce da alcolizzato di Lou perde tanto, nonostante la voce e le qualitá canore di Daniel siano anni luce migliori di quelle di Lou.
Dicevo che c'é pure un inedito, ed é il pezzo che chiude il disco, Falling home. Una gran bella ballata acustica a due voci, breve e con un finale intensissimo. Ascoltare per credere. Ecco, avrei preferito un disco con una decina di canzoni del genere, anzi, sarei impazzito di gioia di fronte ad un disco del genere. Se trovo la canzone, la pubblico a fine pagina. Se non la trovo, ne metteró un'altra a caso. Lo so che non ha molto senso quello che sto scrivendo, ma mi sto adeguando alla situazione. Hey, non voglio paragonare il mio discutibile scrivere alla musica di Gildenlöw e soci, ci mancherebbe... Ok, adesso basta, meglio chiuderla qui.

Voto: non me lo chiedete, per favore, non lo so, sono confuso.

Top tracks: Stress, Chain slings, Falling Home

Tracklist:
01. Stress
02. Linoleum
03. To The Shoreline
04. Holy Diver
05. 1979
06. Chain Sling
07. Perfect Day
08. Mrs. Modern Mother Mary
09. Flame To The Moth
10. Spitfall
11. Falling Home