03/04/15

Recensione: Van Halen - Tokyo Dome Live in Concert (2015)


Certo, sarebbe da chiedersi perchè pubblicare il primo live album ufficiale (con David Lee Roth) dopo una trentina d'anni. Le cose sono abbastanza diverse da allora. Il tempo passa e i Van Halen invecchiano e cambiano. Pensate un po' che al basso troviamo il figlio di Eddie Van Halen, Wolfgang, al posto del (mitico) Michael Anthony. Visivamente non proprio una grande scelta, dal punto di vista proprio dell'immagine e del carisma sul palco, Michael era proprio un'altra cosa. Ma siamo qui per giudicare solo l'audio, perchè la recensione non è di un dvd, quindi va tutto bene. Wolfgang suona bene e i cori funzionano altrettanto bene (anzi benissimo) anche con lui. Visivamente la band oggi è (come nell'ordine naturale delle cose) palesemente invecchiata: Eddie ha i capelli bianchi e David Lee Roth non ha più la chioma da Sex symbol (ma quantomeno ha smesso di presentarsi col "riporto"), del bassista abbiamo già detto e Alex non è mai stato "giovane", quindi non troppo differente.

Registrato al famosissimo Tokio Dome il 21 Giugno 2013, questo live è perfetto. Ha un bel suono e soprattutto una scaletta perfetta. Ci sono veramente tutti i classici della band registrati con David, più qualche (ottimo) estratto dal loro album più recente, che tanto mi era piaciuto (ChinaTown). La tracklist è più in basso, guardatela e ditemi se avete obiezioni. No, vero? Ci sono tutte, Panama, Ain't talking about love, Eruption (preceduta da una bella improvvisazione), Hot for teacher, You really got me, Running with the devil, Everybody wants some! e la mia amatissima I'm the one, dove il fancazzismo di David supera tutti i livelli consentiti. C'è persino la cover di (Oh) Pretty Woman, non manca proprio nulla. Forse qualche pezzo che mi piace di meno nel secondo cd, tipo I'll wait o Mean street ma gusti personali, niente pezzi evitabili.

L'esecuzione di David Lee Roth è sempre la solita,  sempre molto istintiva e senza curarsi troppo della perfezione ma i cori che gli stanno dietro lo aiutano parecchio e danno dannatamente senso a tutto. Il resto della band é come al solito e la famiglia Van Halen é una macchina da guerra. Come sempre con la chitarra sempre ben in evidenza su tutto, ma questo é scontato, se sapete di che band stiamo parlando e che razza di chitarrista che é Eddie Van Halen.

Consigliato sia ai vecchi fan che a chi non conosce nulla della band, per colmare delle (pesanti) lacune.

Top tracks: I'm the one, Hot for teacher

Tracklist:

CD 1
1. Unchained
2. Runnin' With the Devil
3. She's the Woman
4. I'm the One
5. Tattoo
6. Everybody wants Some!!
7. Somebody Get Me a Doctor
8. China Town
9. Hear About It Later
10. (Oh) Pretty Woman
11. Me & You (Drum Solo)
12. You Really Got Me

CD 2
1. Dance the Night Away
2. I'll Wait
3. And the Cradle Will Rock...
4. Hot for Teachter
5. Women in Love
6. Romeo Delight
7. Mean Street
8. Beautiful Girls
9. Ice Cream Man
10. Panama
11. Eruption
12. Ain't Talkin' 'bout Love
13. Jump