Passa ai contenuti principali

La scheda: Alessandro Ranzani


Foto di Roberto Reymond
Breve descrizione/bio: 
Sono Alessandro Ranzani, in arte Il Ranzani.
Un viaggiatore della Musica: cantante, autore, chitarrista e compositore. Ho cantato, composto e registrato per oltre 20 anni esplorando generi diversi e tutti, indistintamente, affascinanti: dal pop al rock, all’ambient e all’elettronica condividendo palchi ed emozioni con Band come Movida, Pragma, Rezophonic e Superflumina. Sempre in viaggio con la mia voce e la mia guitar, pronto a raggiungere più cuori possibili.

Genere musicale: 
Mi piace definire il mio genere come “Electro-Zenit”, un connubio tra le mie personali emozioni e suggestioni fuse insieme con i suoni Synth, in sostanza l’unione tra uomo e macchina, meglio di Terminator.

Line-up attuale:
Just me… what else?
A parte gli scherzi, sto percorrendo una nuova strada in solitaria che mi permette di sperimentare nuove sonorità e di mettermi completamente in gioco.

Di cosa parlano i tuoi testi:
I testi parlano del mio viaggio interiore. Mi piace trarre ispirazione dal mio vissuto e da quello che farò. Bastano un libro, la bellezza di una giornata, un film ad ispirarmi. Spesso parto dalla musica e il testo viene di conseguenza. Ultimamente sto sperimentando la composizione partendo dal testo.

L’esibizione live che ricorderai per molto tempo: 
Nel mio cuore ogni esibizione ha un posto speciale, ma se devo proprio scavare fino a sceglierne una… quella che mi ha dato maggiori soddisfazioni è Movida supporting Mau mau, Firenze.

Un aneddoto divertente capitato on stage o in studio: 
Sono caduto dal palco durante un live: non ho visto il vuoto e pensavo fosse la continuazione dello stage… le luci mi hanno ingannato. La cosa funny è che non mi sono fatto nulla!

I tuoi dischi preferiti in assoluto: 
U2 Boy, The Police Synchronicity.

Album che pensi sia l’unico al mondo da apprezzare:
Mah… non saprei. Ce ne sono tantissimi che meritano.

Un musicista che vorresti incontrare per fare quattro chiacchiere: 
Sir Paul. Gli chiederei: come hai fatto? Come hai fatto a scrivere Eleanor Rigby? Non mi capacito. Per me lui non è di questa terra. È un messaggero di un altro mondo. Ci manda un avviso tipo: guys, queste sono le canzoni… poi fate voi. Ah ah ah. Stima incondizionata.

Cosa chiederesti nel tuo backstage se fossi l’artista più importante del pianeta:
Una bionda… possibilmente fredda e poi vado matto per i Marrons Glacee

Soundcloud: https://soundcloud.com/alessandro-ranzani/things-of-no-account
Twitter https://twitter.com/Aleranzani
Facebook https://facebook.com/Aleranzani
Soundcloud https://soundcloud.com/Alessandro-ranzani
YouTube https://www.youtube.com/channel/UCy6P0I3WhV86KpkvGivFSLA
Gplus https://plus.google.com/u/0/+AlessandroRanzani/posts
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I piú cliccati della settimana

Live report: Guns n' roses - Live at London Stadium 16/06/2017

Recensione: Magni animi viri - Heroes Temporis, World edition (2016)

Videorecensione: Foo fighters - Sonic Highways

Top 10: canzoni tristi