Passa ai contenuti principali

Recensione: Helloween - Ride The Sky, Best Of The Noise Years (2016)


Davvero, che senso hanno questo tipo di raccolte? Best of the Noise years? Ve ne frega qualcosa di sapere sotto quale etichetta stava la band in determinati anni? A me, personalmente, no. Bene, per la cronaca gli anni in questione sono dal 1985 al 1998 che, per chi ha seguito la band, sa perfettamente che sono un'eternitá perché in questi 13 anni si sono avvicendati ben 3 cantanti, oltre a svariati componenti.

La raccolta, quantomeno, ha un ordine cronologico e la scelta dei pezzi é decente, non perfetta ma decente. Certo, manca la mia preferita Rise and fall, c'é qualche pezzo che non avremmo voluto sentire (perché prendere A million to one da The time of the oath e non la splendida title track o We burn?) e un po' di sbilanciamenti nel rappresentare gli album (7 canzoni del periodo Kai Hansen come cantante?!?) ma non mi voglio lamentare troppo.

Si comincia con la acerbissima Oernst of Life con un Kay Hansen che lascia abbastanza a desiderare, ma la band é alle primissime armi e si sente. La tracklist in ordine cronologico ci permette di ammirare i progressi degli Helloween fatti durante gli anni. Kay stesso migliorerá come cantante, come per magia, nelle tracce successive. Da I'm Alive in poi, sua maestá Kiske prenderá il suo posto per quello che é il periodo d'oro dei The keeper of the seventh keys. Dopo il periodo buio post Keeper, ovvero Pink bubbles go ape e Chameleon, rappresentati con solo 4 canzoni in totale, Deris prenderá le redini della band, assieme a Weikath e Grosskopf, ovviamente. Ecco quindi una manciata di tracce da Master of the ring, The time of the oath e Better than raw, con il secondo giustamente piú rappresentato. Personalmente avrei fatto una selezione abbastanza diversa da tre questi album, ma vabbé...

A chi é indirizzata questa raccolta? Non saprei, francamente. Mi sarebbe piaciuta una raccolta del genere solo se fossero stati rappresentati tutti gli album, fino ad oggi. Boh, se non avete mai ascoltato gli Helloween, magari é un buon modo per farvi un'idea di quanto accaduto nei primi 13 anni della band, altrimenti lasciate perdere.

Tracklist CD 1:
“Oernst Of Life”
“Metal Invaders”
“Starlight”
“Murderer”
“Ride The Sky”
“Gorgar”
“Judas”
“I’m Alive”
“Future World”
“Halloween”
“Eagle Fly Free”
“Dr. Stein”
“March Of Time”
“I Want Out”
“Keeper Of The Seven Keys”

Tracklist CD 2:
“Kids Of The Century”
“Back On the Streets”
“Step Out Of Hell”
“Get Me Out Of Here”
“Where The Rain Grows”
“Why?”
“Mr. Ego (Take Me Down)”
“Steel Tormentor”
“Wake Up the Mountain”
“Power”
“A Million To One”
“Hey Lord!”
“Time”
“I Can”

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

I piú cliccati della settimana

Live report: Guns n' roses - Live at London Stadium 16/06/2017

Recensione: Magni animi viri - Heroes Temporis, World edition (2016)

Videorecensione: Foo fighters - Sonic Highways

Top 10: canzoni tristi