15/12/12

La discografia (semiseria): Guns n' roses.

E siamo alla discografia di quegli affabili e tranquilli ragazzi dei Guns n' roses. La discografia è molto breve a causa di quel buontempone di Axl rose. Se dovessi dare un titolo al tutto direi: una fortuna buttata nel cesso. 

Cominciamo:

Appetite for destruction (1987)
Il debut! Brutti come la fame, piú poveri di Oliver twist, e più rissosi di Chuck Norris, questi ragazzacci si affacciacciano nel mondo della musica con un dischetto niente male, ovvero con uno dei debut album migliori di sempre. Sul disco, poche storie, chi lo conosce lo ama.
Se lo conoscete e non lo amate é soltanto perché ascoltate Orietta Berti. Voto 95/100

Top songs: Sweet child o'mine, Paradise city, Rocket queen
Skip song: Anything goes

Lies (1988)
Uscito per cavalcare un po' il successo del primo album. Comprende l'EP Live like a suicide, registrato prima del debut e 4 (ottime) canzoni acustiche. Il disco non ha né capo né coda ma le canzoni sono belle lo stesso.
Intanto il gruppo, per tenersi in allenamento, comincia a strafarsi e a fare a botte in tutti i paesi del mondo.

Voto: boh
Top song: patience


Use your illusion I (1991) 
Questi pazzi scatenati hanno fatto uscire due dischi lunghissimi nello stesso periodo. E' pure vero che di anni dal debut ne sono passati 4, quindi ok (sto facendo tutto io). In questo disco si trova di tutto: capolavori, pezzi meno riusciti, pezzi col piano, pezzi street rock, cover, esperimenti e sassofoni (elemento che non piace a Slash). Quello che non si trova piú è il batterista Steven Adler che era strafatto come una scimmia, con tutto il rispetto per le scimmie strafatte.

Voto 79/100
Top songs: Don't cry, November rain, Coma.

Use your illusion II (1991)
Il secondo capitolo ha un po' piú senno del primo e ha molti piú capolavori. E' il mio disco dei Guns preferito: testi schizzati (non che quelli del primo capitolo siano da meno, eh), tanto talento e buon gusto. Stessa schizofrenia e varietá del primo, peró con molti piú picchi e meno dispersione. Erano a corto di idee per la seconda copertina quindi hanno usato la stessa del primo, peró di diverso colore.

Voto 95/100
Top songs: Civil war, Estranged, Get in the ring

The spaghetti incident (1993)
I ragazzi della band si pestavano e si sbronzavano dalla mattina alla sera, quindi di canzoni nuove neanche a parlarne, dato che sui due Illusion ne hanno pubblicate circa 190, ecco quindi questa raccolta di cover pseudopunk. Non male a dire il vero, ma la copertina grida vendetta, tanto é brutta: un piatto di spaghetti, che sembra fare pure schifo, tra l'altro. La band comincia a fare a botte (più del solito) e si scioglie.

Voto 65/100
Top songs: Attitude, Ain't fun, New rose
Skip song: Human Being

Chinese democracy (2008)
Questi non sono i Guns n' roses, questo é Axl rose (da solo, dato che ha cacciato tutti) che gioca con mixer e console e combina un manicomio reclutando i musicisti piú disparati e mettendoci 15 anni per fare un disco neanche troppo decente. Chinese Democracy é il disco piú costoso ( e con piú anni di realizzazione alle spalle) della storia della musica. Bravo.

Voto 40/100 (in memoria dei vecchi tempi) 
Top e skip song: non lo so perché non ho mai associato i titoli alle canzoni, mi ricordo che la 4 é bella.

Tanto per non lasciarci con il brutto ricordo di Chinese Democracy, vi pubblico una canzone gloriosa del passato dei G N' R. Beccatevela.

Share: