24/09/14

Recensione: The Eightball - A roll in the hay (2014)


Riecco gli Eightball!
Li avevamo lasciato con il loro primo EP Adda river, stavolta ce li ritroviamo con un full lenght, dallo "scanzonato" titolo A roll in the hay. Prima di cominciare dovete sapere che questa band mi ha fatto imprecare diverse volte, ma colpa non é loro. Quando apro Spotify dall'ufficio il 90% delle volte mi si apre la loro pagina (in memoria nel browser) e il riff della loro Change my Brain (dal precedente EP) mi si spara a volumi inauditi negli auricolari. The Eightball, sappiate che vi odio, per questo.

Riguardo l'ascolto di questo disco: c'é un termine che ultimamente mi piace usare: "ignorante", termine penso possa essere perfetto per questa band. Niente di offensivo, ovviamente, guardate il lato positivo della parola: ignorante (perlomeno per me) é qualcosa che non si fa troppe domande e che non é troppo raffinato, ma che funziona cosí com'é nonostante tutte le possibili imperfezioni.
Se dovessi giudicare quest'album con uno spirito critico, potrei fare molti appunti, ma lo spirito del disco é proprio "Ignorante", quindi va benissimo. Gli Eightball non cercano la perfezione e alla fine si rifanno molto al movimento punk anni 70. Cercate la perfezione quando ascoltate un disco punk anni 70? Manco per sogno. Ecco, questo é di nuovo il caso.

Ecco quindi un piacevole ascolto di questo A roll in the hay: atmosfere allegre, belle chitarre distorte, testi divertenti e cori (a volte) sgraziati. La tracklist é esattamente come piace a me, 10 brani per 34 minuti di musica.
Tra i brani che rimangono piú in mente troviamo Dizzy, Take care of your daughter (!), Never, ballata che mi ricorda non so che degli Stones ma forse meriterebbe maggior spinta vocale durante le strofe (e che forse ne ha persino troppa nel ritornello). Chiude il disco la bella (giá dal titolo) Fuckingham palace, che comincia con note facilmente riconoscibili al pubblico inglese.

Non sono un superfan del genere proposto dagli Eightball, ma ho ascoltato il disco molto volentieri e mi ha messo parecchia allegria e penso che questo sia il proposito della band. Complimenti e continuate con questo spirito! Rock n' roll!
 

Tracklist:
1- Talk Dirty To Me
2- All She Needs
3- Dizzy
4- Never
5- Take Care Of Your Daughter
6- Red Carpet
7- Prohibition
8- Sweet Lips
9- Never Give Up
10- Fuckingham Palace