09/10/18

Recensione: Therapy? – Cleave (2018)


Questo nuovo album dei Therapy? dovrebbe piacermi un sacco. Perché? Dico sempre, quasi in ogni recensione, che sono fautore dei dischi brevi, con poche tracce e dritti al punto.

Questo nuovo Cleave - che succede al precedente Disquiet del 2015 (clicca qui per la recensione) ha 10 tracce dalla durata media di circa 3 minuti ed é dritto al punto in maniera spaventosa.
Di cosa mi lamento allora? Beh, prima di tutto del fatto che lo é pure troppo: a volte inserire qualche refrain diverso, mettere qualche solo di chitarra piú lungo o non cominciare per forza la linea vocale dopo 10 secondi sono dettagli che potrebbero dare un po' piú di respiro al disco. Inoltre, aspetto fondamentale, ho trovato ispirata (o di mio gradimento, fate voi) solo una metá scarsa dell'album. Almeno 5 tracce dell'album, infatti, non mi dicono nulla o addirittura hanno un ritornello che mi suona parecchio fastidioso. Success? Success Is Survival la trovo di una banalitá sconcertante, per esempio.

Mi é piaciuto l'inizio del disco con le belle Wreck It Like Beckett e Kakistocracy. Non male neanche la successiva Callow. Il suono é anche quello giusto. Dopo la terza traccia, peró, troviamo una serie di pezzi che non mi hanno convinto per nulla, tutto questo fino alla numero 9 Dumbdown, secondo me veramente degna di nota con dei riff cattivissimi.

Insomma, mi piace (sapete quanto) il concetto di disco breve e senza fronzoli, ma se devi proporre solamente una trentina di minuti di musica, secondo me non puoi limitarti al compitino e proporre molti dei pezzi presenti in questo Cleave. Sono troppo cattivo?

Voto 57/100

Top tracks: Wreck It Like Beckett, Kakistocracy, Dumbdown
Skip tracks: parecchie

Tracklist:
01. Wreck It Like Beckett
02. Kakistocracy
03. Callow
04. Expelled
05. Success? Success Is Survival
06. Save Me From The Ordinary
07. Crutch
08. I Stand Alone
09. Dumbdown
10. No Sunshine

Posted in  on ottobre 09, 2018 by Kevin Johnson |   Edit