Follow by Email

11/05/13

Top 10: Skid row


Ecco la mia top 10 di una band che (nella formazione originale) è durata decisamente troppo poco.

Ok, eccovi le mie canzoni preferite degli Skid Row.



10) Iron will (da Subhuman race)
Dal tanto odiato (non certo dal sottoscritto) Subhuman race.
A me quest'album piace tantissimo: é rozzo, aggressivo e Sebastian canta taaanto bene. Questa canzone non é un capolavoro, ma il riff mi é rimasto in testa sin dal primo ascolto, nel lontano 1995.
Possiedo anche un'edizione limitata del disco. Ah non volevate saperlo?
Pararara papaparara papara pappa pararara (il riff). Ho trovato un bel lyric video, beccatevelo:


9) Little wing  (da B-sides Ourselves)
Sí ok, é una cover e una cover non dovrebbe stare nella top 10 di nessun gruppo.
Peró ascoltate la linea vocale di Sebastian Bach e confrontatela con l'originale. Anche Scotti Hill e Rob Affuso fanno la loro porca figura, onestamente. Ok? Perdonato?
NB. La versione dell' Ep che possiedo é diversa, in quella Seb canta ancora meglio.



8) Subhuman race (da Subhuman race)
Ancora dall'omonimo album. Gli Skid row come non li avete mai sentiti.
Questa canzone ha un tiro pazzesco! Aho, a me piace un sacco, che vi devo dire?
Yooooooouuuuuuu talk to me like I'm a subhumaaaaaaan youuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu...


7) I remember you (Da Skid row)
Gli Skid in versione super romantica e Sebastian che dà colore ad una ballad che é diventata famosa negli Stati uniti per essere stata la canzone di apertura del ballo scolastico del 1990 (boh, l'ha dichiarato lui stesso, non prendetevela con me). Comunque, semplicità e classe.


6) Breakin'down (da Subhuman race).
Altra ballad fantastica. In particolar modo, di questa canzone mi ha sempre mandato fuori di testa l'ultimo ritornello: Sebastian continua a cantare sempre allo stesso modo e con la stessa intensità, nonostante la base strumentale si faccia decisamente piú aggressiva. Lo so, é una minchiata, ma questo particolare mi piace un sacco.


5) In a darkened room (da Slave to the grind)
Una delle canzoni piú scopiazzate dal mondo pop.
Il ritornello di In a darkened room l'ho ascoltato in una sacco di versioni e di varianti, negli anni. Ma vogliamo mettere la voce di Sebastian con la voce di quei cantantuncoli qualunque? Skid row 10 - tuttelealtreversionipopchelascopiazzano 0
La seconda strofa la dovrebbero ascoltare tutti coloro si volessero approcciare al canto.
Questo si chiama cantare. Ah, anche l'attacco del solo é da 10 e lode.


4) Youth gone wild (da Skid row)
Canzone generazionale, Youth gone wild é addirittura il tattoo sul braccio di Sebastian ed é praticamente l'inno del gruppo. Scritta da Bolan e Sabo (come la maggior parte delle canzoni di quel periodo), é probabilmente la piú famosa della band, al pari di quella che vi posto sotto. Grande solo.


3) 18 & life (da Skid row)
Semi-ballad con un testo "sociale". Si ispira infatti alla storia di un ragazzino condannato all'ergastolo per aver sparato ad un amico con una pistola che credeva scarica. 18 & life é presente in tutte le classifiche dove si parla di "canzoni rock piú belle di ogni tempo". Grande canzone e grande solo.
Seb avrebbe voluto essere considerato come co-autore del pezzo solo perché ha modificato la tonalita di "That child blew a child away". Seb, ti voglio bene ma mi sa che avevano ragione gli altri.


2) Slave to the grind (da Slave to the grind)
Title track di quel bellissimo album che é Slave to the grind.
Sicuramente molto meno importante delle due canzoni sopra, solo che quelle citate praticamente ho smesso di ascoltarle (dopo anni e anni di interminabili ascolti, si intende), questa, invece, la ascolto continuamente anche dopo 25 anni.


1) Wasted time (da Slave to the grind)
Se pensate di saper cantare, provate a riprodurre questa canzone, specialmente dal minuto 2.40 in poi. Se riuscite a cantare quello che sentite al minuto 5.00, poi, vengo personalmente a stringervi la mano a casa vostra. Che meraviglia... Giú il cappello per una delle più belle voci del rock di sempre.
A parte la bravura di Sebastian, la canzone é un capolavoro.