Follow by Email

24/04/19

La Scheda: Electronic Blues Foundation



-Genere: 
Blues, Folktronica, Indietronica, IDM, Electro 

-Line Up attuale:
Laura Desideri: voce
Luca Gallo: chitarre
Alex Marenga: drum machines, samples, theremini
Dr.Lops: synths, keyboards

-Album/EP all’attivo:
“Digital Bluesman” (Eclectic Productions, 2019)

-Influenze
Le influenze sono molteplici essendo un progetto di crossover si incrociano vari generi: Hills Country Blues, Delta Blues, IDM, Glitch-Hop, Jazz, Ambient, Psichedelia, Electro, Chicago Blues quindi artisti come North Mississippi Allstars, Junior Kimbrough, R.L. Burnside, John Lee Hooker, Kid Koala, Jeff Beck, Miles Davis, Aretha Franklin, Kraftwerk, Aphex Twin, Squarepusher, Daniel Lanois, Eric Clapton, Fred McDowell, Brian Eno, Jimi Hendrix, Joey DeFrancesco, Led Zeppelin.

-Di cosa parlano i testi:
Parlano di storie di strada, di quotidianità come nel blues classico. Uno dei testi è la storia vera del crollo di un ponte sul quale passavano i lavoratori destinati ai campi in Ohio, una analogia con il presente che ci ha colpito come un amaro ripetersi della storia.

-Esibizione live che ricorderete per molto tempo:

Quella al Monk Club di Roma insieme a Fantastic Negrito nel giugno 2018 difronte a un pubblico molto attento, ricettivo ed entusiasta.
La vicinanza a un gruppo di grande potenza e grande feeling come quello di Negrito è stata una prova decisiva.

-Un aneddoto divertente capitato on stage o in studio:

se ne generano vari in studio, specialmente perché tastiere, chitarre, voce e altri generatori di suoni in alcuni momenti, specie negli spazi improvvisativi e nei momenti di stesura delle idee, sfruttano molta effettistica che rende indistinguibile chi sia a produrre un determinato timbro.
Quindi capita di vedere qualcuno dei componenti di EBF smanettare disperatamente i propri pedali o le manopole di un synth tentando di modificare un suono che sente nell’ambiente e che pensa sia troppo alto di volume o che non lo convince ma senza nessun risultato per poi accorgersi che a generarlo è un’altra persona.

-I vostri dischi preferiti in assoluto:
ognuno componenti indicherà tre dischi, cosi sarà una lista equilibrata:

Laura Desideri:
Janis Joplin “ Pearl “
Pink Floyd “ The Dark Side of the Moon “
Aretha Franklin “ Lady soul “ 

Luca Gallo:
The Jimi Hendrix Experience ‎– “Are You Experienced”
Jeff Beck's “Guitar Shop”
Robert Johnson – “The Complete Studio Recordings”

Alex Marenga:
Kraftwerk: “Trans Europe Express”
The Beatles: “Revolver”
Miles Davis: “Kind of Blue”

Dr.Lops:
Pink Floyd “The Dark Side of the Moon”
Eric Clapton: “Unplugged”
Autechre: “Incunabula”

-Citatemi un album che pensate essere gli unici al mondo ad apprezzare:
citeremmo “The Dark Paintings of Mark Rothko” di Loren Mazzacane Connors, artista criptico, sperimentale, con una grande anima blues, una figura a metà fra sperimentazione e tradizione folk.

-Un musicista che vorreste incontrare per farci quattro chiacchiere:
Ci piacerebbe incontrare Cedric Burnside, cantante, batterista e chitarrista nonché nipote del grande R.L Burnside, una figura musicale contemporanea che ci affascina e interessa particolarmente.

-Cosa chiedereste nel backstage se foste la band più importante del pianeta:
Difficile essere unanimi quindi ogni musicista del gruppo indicherà cosa vorrebbe:

Laura Desideri: una spa volante e del buon vino rosso

Luca Gallo: Una buona bottiglia di vino rosso

Alex Marenga: una cena di sushi e sashimi fresco

Dr.Lops: una palestra privata