05/04/19

La scheda: Vaniggio


Bio:
Vaniggio alias Ivan Griggio, nel 1972 nasce e vive in Svizzera. Nel 1986 comincia a suonare il basso come autodidatta e in seguito, sotto la guida del Maestro Massimo Scoca, inizia la sua formazione musicale. Da subito entra a far parte di varie formazioni rock fondando nel 1993 la storica band “Versivari”, uno dei gruppi più in vista nel panorama musicale Ticinese. A testimoniare questa notorietà vi sono le aperture dei concerti di artisti del calibro di Ligabue, Marillion, Elio e le storie tese, A.D, Core. La sua discografia inizia nel 1996 fino a sfociare nel 2019 con l’album “Solo un sogno” per l’etichetta Music Force.

Genere:
Rock, Crossover

Line up attuale: 
Vaniggio : voce – basso (studio) – chitarra (live)
Roberto Invernizzi : chitarra
Cristiano Arcioni : hammond
Roberto Panzeri : batteria
Alberto Pagani: basso (live)

Album/ep /demo all'attivo:
In qualità di bassista
Versivari – Versivari , EP 1996
Gionata – Mi Sono Acceso , LP 2001
Matamachete – Matamachete , LP 2006
Matamachete – Tanin No Kao , LP 2008
George Merk - If I were a carpenter , Singolo 2013
George Merk – Independet fool , LP 2015

In qualità di cantante
Versivari – Nelle Profondità , EP 2010
Karmarmonik – Belli e Simpatici Per Forza , singolo 2012
Vaniggio – Solo Un Sogno , LP 2019

Influenze:
Non saprei dire, ascolto un sacco di musica e generi e riesco a passare con estrema facilità dagli Slayer ai Depeche Mode. È anche vero che nel periodo in cui ho scritto i brani del mio disco ascoltavo tanto i Foo Fighters e gli ascolto tutt'oggi. Mi piace anche, per quel che riguarda la musica Italiana, Caparezza che con il suo Crossover riesce a toccare vari stili e generi musicali senza mai esser scontato

Di cosa parlano i tuoi testi:
“ A volte Basta “ - è un discorso tra me e la vita, vuole essere una riflessione sul prendere le occasioni al volo, senza però dimenticarsi che a volte è meglio fermarsi un attimo a valutare le situazioni

“ Amoreuncazzo “ - Parla d`amore ma a modo mio, ovvero :
L’amore si dimostra con i fatti e con il coraggio di affrontare i problemi di tutti i giorni e non ripetendo fino allo sfinimento:
Ti amo

“ Ogni Vestito “ – Descrive le mille maschere che ogni uno di noi indossiamo, come vestiti da portare a dipendenza delle situazioni Se non siamo sinceri soprattutto con noi stessi non lo saremo mai con gli altri

“ Dai Un Nome Alle Cose ”- Oggi le parole hanno perso valore e di conseguenza la vita ha perso valore, troppo spesso per pulirci la coscienza usiamo giochi di parole che depistano l’attenzione su cosa sia realmente importante.

“ Solo Un Sogno “ - è la vera storia di una persona che, per colpa delle sue scelte sconsiderate, si è bruciato i migliori anni della sua vita ma con una gran voglia di rivalsa nei confronti della stessa.

“ Mai Come Sembra “ - Mai giudicare una persona senza averla prima conosciuta, mai incolpare qualcuno senza aver indagato fino in fondo, se non rispetti la vita degli altri probabilmente non rispetti la tua.

“ Una Carezza Non Vuol Dire Amore“ Non è necessario dover urlare per poter farsi ascoltare. Una carezza è sì un gesto d’amore verso gli altri, ma anche verso se stessi. Una frase Buddhista recita: Perdona gli altri, non perché meritano il perdono, ma perché tu meriti la pace.

“ Favole ”- Descrive il mondo di oggi, quello dei social. Favole raccolte in rete orfane di ANIMA .

“ Tessi Sbagli“ – In Sintesi... Prendi in mano la tua vita senza farti troppe pippe mentali, fidati delle persone che vogliono fare con te un percorso di vita e smettila di commettere sempre gli stessi sbagli, impara!

Detto questo...9 brani dove racconto la mia vita, nel bene e nel male

Esibizione live che ricorderai per molto tempo:
Ci sono state molte esibizioni live che negli anni mi hanno segnato particolarmente. Nel lontano 1997 ad un concerto in Svizzera con i VERSIVARI, eravamo la “Spalla” (si dice ancora cosi?) dei Marillion e nel bel mezzo della nostra esibizione, vedo il cantate Steve Hogart ballare di fianco al nostro batterista.

L’esibizione Live al Roxy Bar di Red Ronnie con George Merk è stata speciale, nel pubblico c’era niente di meno che Loredana Bertè, una delle mie artiste PUNK Italiane preferite.

Un aneddoto divertente capitato on stage o in studio:
Dovrei parlarvi di bambole gonfiabili portate sul palco, di una piazza a ridosso di una chiesa e di una messa terminata da alcuni minuti. Dovrei descrivervi di come questa piazza si riempii di fedeli
attirati dalla vista di quel palco e di come il mio ex cantante Bestemmiò con fare assolutamente disinvolto in un impianto da 20 000 WATT… Ma vivo la musica in modo serio e professionale, non è mia usanza sputtanare i miei colleghi! Ahahahahaha!

I tuoi dischi preferiti in assoluto:
ARISE – Sepultura
Coroner - Mental Wortex
Coroner – Grin
Pink Floyd - Dark Side of the Moon
Faith No More - King for a Day
Depeche Mode - music for the masses
Megadeth - Symphony of Destruction
Caparezza - Museica

Citami un album che pensi essere l’unico al mondo ad apprezzare:
Cavalera Conspiracy - Pandemonium 

Un musicista che vorresti incontrare:
Dave Grohl che, oltre ad essere un gran musicista, mi ispira simpatia per come si pone e sembra una brava persona

Cosa chiederesti nel tuo backstage se fossi l’artista rock più importante del pianeta:

Non cosa chiederei nel mio backstage, ma dove vorrei fosse il mio backstage…
Su di un aereo pronto a partire, adibito ad ogni genere di relax e con qualche vizio per finire alla grande

Contatti:
http://www.musicforce.it/catalogo-produzioni/1927-vaniggio-solo-un-sogno
https://www.facebook.com/vaniggio/