Follow by Email

24/10/19

La scheda: Daniele Mammarella



Bio:
Nato a Pescara nel 1997, ha iniziato a studiare chitarra alla giovane età di 8 anni con il Maestro Benedetto Conte. Vince molti premi internazionali di musica con brani strumentali per Chitarra Fingerstyle di composizione propria all’età di 13, 14 e 15 anni. Il 4 ottobre 2019, a seguito dell’incontro con Music Force, promosso dal M° Conte, Daniele Mammarella pubblica il suo primo album “Past, present and let’s hope” distribuito fisicamente da Egea.
Dieci tracce strumentali suonate con la tecnica che ormai lo contraddistingue da anni.

Genere:
Blues-Rock
Sono un chitarrista acustico fingerstyle e perciò il Blues è parte di me per principio, è una mia passione sin da quando ero bambino, tanto è vero che all’età di 10 anni mi chiamavano “Danny Blues” (tra l’altro è il titolo del brano che apre il mio disco). In generale di provenienza Folk, la vera musica delle radici, ma non solo quelle mie, intendo le radici di ogni popolo, partendo dalla musica Celtica arrivando a quella Hawaiana.

Line up attuale:
Io e la mia chitarra.

Album/ep /demo all'attivo:
“Past, Present and Let’s Hope” è il titolo del mio Album uscito il 4 ottobre 2019.

Influenze:
Come già detto nella prima domanda, la mia musica è influenzata soprattutto dal Blues e dal Folk in generale, ma, la mia passione per lo scrivere melodie dolci ma anche aggressive deriva soprattutto dal mio infinito amore per i Beatles.

Di cosa parlano i tuoi testi:
Non scrivo testi per ora.

Esibizione live che ricorderai per molto tempo:
Sicuramente l’apertura al concerto di Franco Morone a Pescara, uno dei grandi miti della Chitarra Fingerstyle, vederlo dal vivo ma soprattutto suonare prima di lui per me fu una grande emozione! D’altronde il mio Maestro mi faceva studiare i suoi brani dall’età di 12 anni!

Un aneddoto divertente capitato on stage o in studio:
Vi svelo un segreto, durante la registrazione del mio brano “Beyond”, la settima traccia, dimenticammo di chiudere le finestre e ci accorgemmo che nella registrazione, verso il finale, che c’era qualcosa di strano… Quindi, è possibile ascoltare il cinguettio degli uccellini che volavano fuori, il fatto devo dire che mi è piaciuto molto, per questo decisi di lasciarlo lì.

I tuoi dischi preferiti in assoluto:
Qui potrei scrivere mille righe…ma partiamo dal primo posto indiscusso:
White Album – The Beatles
poi…
Live Unplugged – Eric Clapton
Aqualung – Jethro Tull
Oro, incenso e birra - Zucchero
Into the Wild – Eddie Vedder

Citami un album che pensi essere l’unico al mondo ad apprezzare:
Non saprei davvero come rispondere a questa domanda, ma, posso citare un album che è stato letteralmente stroncato dalla critica, parlo di “Gone Troppo” di George Harrison, è un disco che apprezzo davvero.

Un musicista che vorresti incontrare:
Assolutamente il mio sogno da sempre è quello di incontrare e scambiare due chiacchiere con Paul Mc Cartney, poi Eric Clapton.

Cosa chiederesti nel tuo backstage se fossi l’artista rock più importante del pianeta:
Un classico sigaro post serata, un bicchierino di Whiskey e pace.

Contatti:
http://www.musicforce.it/catalogo-produzioni/2201-daniele-mammarella-past,-present-and-let-s-hope
Facebook: Daniele Mammarella Fingerstyle Guitar
Instagram; Daniele Mammarella Fingerstyle