Recensione: Anvil – Legal At Last (2020)


Possiamo dire senza alcun dubbio che gli Anvil hanno preso positivamente la notizia che in Canada sono state legalizzate le droghe leggere: titolo e copertina sono davvero eloquenti. Persino gli angeli ne potranno beneficiare. Non solo, anche altre canzoni hanno riferimenti alla vicenda, segno che proprio ci tenevano. Ma parliamo di musica, adesso.

A livello sonoro, data la storia della band ovviamente, nessuna novitá: le canzoni di questo Legal at last suonano magnificamente "ignoranti" con vari riferimenti a loro stessi, ai Motorhead, ai Black Sabbath (Gasoline e la conclusiva Said and done sembrano proprio pezzi dalla discografia di Iommi) con una produzione che accompagna perfettamente il terzetto canadese, potente e ignorante anche lei, al punto giusto.

Avevamo giá visto insieme la title track (clicca per il primo ascolto) che mi ha colpito positivamente sin dal primo ascolto, cosí come mi piace parecchio Chemtrails, soprattutto nei cori del ritornello, con un effetto particolarissimo.

Davvero ispiratissimi i riff di Talking To The Wall e Food For The Vulture, ma in generale ho trovato il lavoro delle chitarre di Lips sempre sul pezzo, cosí come il songwriting, forse poco vario nella sua interezza ma sempre abbastanza ispirato, soprattutto considerando che la band é attiva "solamente" dal 1978 (non ero neanche nato).

Persino la bonus track é degna di nota: No time sarebbe stata benissimo nella tracklist ufficiale, anzi é forse una delle mie preferite in assoluto per "schiettezza". Personalmente avrei barattato questa per un paio che non mi fanno proprio impazzire, all'interno dell'album, tipo I'm Alive. Invece, sempre riguardo i testi, ne troviamo uno sul "sociale", Plastic in paradise, dove la band denuncia il consumo smodato che facciamo della plastica. Ma il titolo da solo era abbastanza auto esplicativo.

Onore agli Anvil per la loro attitudine e per portare ancora il verbo dell'Heavy metal classico in giro.

Voto 69/100
Top tracks: Legal at last, Talking To The Wall, Food For The Vulture.

Tracklist:
Legal At Last
Nabbed In Nebraska
Chemtrails
Gasoline
I'm Alive
Talking To The Wall
Glass House
Plastic in Paradise
Bottom Line
Food For The Vulture
Said And Done
No Time (Bonustrack)

    

Posta un commento

0 Commenti