Ascolti di maggio 2020


Questo maggio é stato un po' una mer... ehm... deludente riguardo nuove uscite, diciamolo chiaramente. Avremmo dovuto avere tanti bei dischi che, invece, sono stati messi nel congelatore a causa di questo tormentato periodo.

Poco male perché stando a casa ho avuto modo di rispolverare diversi CD e ora che ho cominciato anche a guidare (mi spaventava terribilmente la guida inglese, devo ammetterlo) posso ascoltare musica anche in macchina, dato che é provvista di un'autoradio vecchio stile con il lettore, dove é rimasto in in loop Brushfire fairytales di Jack Johnson.

Come nuove uscite ho ascoltato il nuovo, omonimo Firewind. Basta.
Dischi datati: il sempre bellissimo Californication dei Red hot chili peppers, il mio album preferito dei Nirvana, In utero (ho scoperto che Serve the servants e Frances Farmer etc etc etc sono due pezzi che mi piacciono un sacco da suonare con la chitarra), Waking up the neighbours di Bryan Adams, poi uno dei dischi che preferisco degli ultimi anni, ovvero The diary dei The gentle storm (quasi sempre in versione gentle) e il bel Kind degli Stereophonics, da poco acquistato.

Ho acquistato anche una compilation di Cat Stevens chiamata Gold, ma che non si trova su Spotify (ho inserito un'altra raccolta in questa pagina) e altre compilation molto in voga nel mio stereo ultimamente sono state quelle di Sting (e Police) e dei Mr.Big.

E voi, cosa avete ascoltato?


Posta un commento

0 Commenti