Recensione: Vandenberg - 2020


Nel titolo non ho scritto tra parentesi l'anno dell'album perché é abbastanza evidente, ma veniamo a noi.

Adrian Vandenberg é un chitarrista famoso al grande pubblico prevalentemente per la sua presenza nei Whitesnake di David Coverdale. Di album a suo nome ce ne sono diversi ma si fermano ad Alibi del 1985. Sí, ben 35 anni fa. A piú di 60 anni, rieccolo ritornare con questo disco omonimo, in ottima compagnia di un gran cantante come Ronnie Romero, famoso per la sua presenza con i Rainbow e i Lords of black.

Questo disco in qualche modo ci é rimasto agli anni 80, ma con suoni leggermente piú robusti e piú attuali, compresa la canzone ripescata dal primo album, Burning Heart (mamma mia che assolo stupendo) e registrata nuovamente per l'occasione. Il disco non inventa niente, ma é una frase che ripeto praticamente sempre e che acquista ancora piú forza quando parliamo, come in questo caso, di un musicista che é nel mondo della musica da praticamente 40 anni.

Buonissima l'opener Shadows of the night, molto energica ma orecchiabile allo stesso tempo (ve la lascio a fondo pagina) dove Ronnie Romero si dimostra da subito a proprio agio e la sua prova durante il disco sará eccellente. Riuscite anche Freight train (ma quante canzoni ci sono con questo titolo?!) e soprattutto la successiva Hell and High water. Let it rain smorza leggermente i toni e Ride like the wind ha qualche passaggio etnico tipo primi Rainbow (lo sentite pure voi o sono pazzo io?). In generale ci sono davvero tanti pezzi che se cantati da Coverdale potrebbero fare parte di un album dei Whitesnake, tipo Shout, shitstorm o parzialmente anche la conclusiva Skyfall.

A mio modo di vedere é forse questo il difetto piú evidente dell'album, che non osa quasi mai andare in territori che non siano quelli conosciuti e percorsi in passato da Adrian. Potrebbe essere un pregio per i fan accaniti degli anni '80 e dei Whitesnake, per tutti gli altri potrebbe essere un limite. Complessivamente, il disco scorre bene, con una buona produzione, prestazione dei singoli e senza nessuna traccia di troppo.

Voto 65/100
Top tracks: Shadow of the night, Hell and High water, Burning heart.

Tracklist
1. Shadows Of The Night
2. Freight Train
3. Hell And High Water
4. Let It Rain
5. Ride Like The Wind
6. Shout
7. Shitstorm
8. Light Up The Sky
9. Burning Heart
10. Skyfall

Previous Post Next Post