Passa ai contenuti principali

Post

Given To Rock Playlist

Ok, è una sorta di strana auto pubblicità, ma dato che da ieri trovate questa playlist in maniera permanente sulla parte destra del sito, almeno mi prendo la briga di fornirvi un minimo di spiegazione. Non ho di meglio da fare? Forse.

Tornando a noi...
Ho pensato che poteva essere carino creare una playlist che racchiudesse le migliori nuove uscite (sempre secondo il gusto del sottoscritto, ovviamente) unite a qualche classico, possibilmente non troppo inflazionato. Per esempio: volevo mettere un brano dei Nirvana e invece delle solite Smells like teen spirit o Come as you are ho messo Serve the Servants, giusto per provare ad essere un po' meno banale della maggior parte delle playlist che ci sono nel mondo. Ho anche inserito diversi nuovi brani che sono appena usciti sul mercato e che mi stanno piacendo un sacco, come per esempio Midnight Flyer dei The night flight orchestra oppure Changed man degli Art of Anarchy. Entrambe con tutta probabilità entreranno di diritto nella top 1…
Post recenti

Recensione: The Night Flight Orchestra – Amber Galactic (2017)

Sono venuto a conoscenza di questo Amber Galactic praticamente per caso e, dopo le prime due canzoni, ero fiducioso di aver trovato una mia nuova band preferita. Purtroppo non é stato cosí ma ho scoperto ugualmente un bel disco e della buona musica. 

Scopro solo adesso (per fare uno stralcio di recensione, devo pure informarmi in qualche modo...) che a capitanare la band é Bjorn Strid dei Soilwork e questo rende l'ascolto dei The Night flight orchestra ancora piú strano perché il disco a tratti suona come un'uscita pop/disco degli anni 70, ovviamente mai mancando di chitarre e di riferimenti alla musica che amiamo su questo blog.

Dicevo, le prime due canzoni Midnight Flyer e Star of Rio mi avevano fatto stropicciare le orecchie, la prima praticamente un pezzo NWOBHM (anche se con suoni piú morbidi) e la seconda con parecchie contaminazioni pop anni 70/80 ma con un ritornello strameraviglioso anche per un'interpretazione vocale pazzesca. Niente, dopo queste due tracce mi …

Videorecensione: Foo fighters - Sonic Highways

Ho avuto modo di vedere l'intera stagione del documentario messo in piedi da Dave Grohl e dai Foo fighters, che prende il titolo di Sonic Highways, realizzato per la realizzazione del loro ultimo album. Cliccate play per qualche impressione/considerazione del sottoscritto. Enjoy (si fa per dire, ovviamente)


Live report: Guns n' roses - Live at London Stadium 16/06/2017

"Not in this lifetime" aveva dichiarato ai giornalisti Axl Rose qualche anno addietro quando gli chiesero se voleva riunirsi con i suoi ex compagni. Ma il tempo (e i soldi) cancellano tutto ed ecco qui che mi ritrovo a vedere una delle band piú importanti della mia vita: i Guns n' roses.

Ufficialmente non é la prima volta che li vedo, ma 5 anni fa non era la stessa band (clicca qui per il live report) cosí come non é stata la stessa cosa assistere a qualche esibizione della band di Slash, per quanto mi abbiano sicuramente lasciato contento. Ma come dico sempre, andiamo per gradi (cit. Visconte Cobram)

Arrivo allo stadio olimpico di Stratford abbastanza tardi, ed entro praticamente 5 minuti prima dell'inizio del concerto. La notizia è che il concerto è cominciato in orario (soli 3 minuti di ritardo). L' Axl giovane avrebbe probabilmente sputato in faccia a quello vecchio, se ne avesse avuto la possibilità. Il concerto parte con due classici dal primo album: It…

La scheda: Figli di Madre Ignota

-

-Breve descrizione/bio della band:
Figli di Madre Ignota nasce come band nel '97 ma cresce da subito come "collettivo" di musicisti, cambiando più volte formazione e influenze musicali... una cosa rimane costante: il tentativo di produrre musica divertente e ballabile ma non per questo banale nei testi e negli arrangiamenti. Rubiamo idee dalla musica di tutto il mondo senza fare world-music e senza perdere le nostre origini o sacrificare elementi elettrico-elettronici a noi cari. Qualsiasi idea che ci piace o ci sembra spendibile in sede di composizione e/o arrangiamento prima o poi finisce nella nostra musica.

-Genere musicale:
Se proprio dovessi definirlo (e l'idea non mi fa impazzire) potrei continuare il gioco di parole che da sempre ci accompagna: una volta era "Spaghetti Balkan", poi "Tagliatella Punk"...ora cosa ti posso dire? "Elettro-Maccaroni" ti piace?

-Line-Up attuale:
La formazione attuale è composta da: Stefano "Iasko&q…

Ascolta due nuovi brani live dei Mr. Big

I Mr. Big hanno pronto il loro nuovo album -Defying gravity- in uscita il prossimo 7 luglio e hanno pubblicato su internet (beh, forse non l'hanno fatto loro) un video con l'esibizione live di 2 nuovi brani suonati in quel di New York. Gustatevi le nuove Everybody Needs a Little Trouble e 1992. Più convincente la prima, se devo dire la mia come sempre.

Bello vedere che Pat Torpey (il batterista) va ancora in giro con la band nonostante il Parkinson gli impedisca di suonare. Ovviamente la sua è più presenza che altro, ma i Mr. Big sono ancora con la stessa formazione di 30 anni fa e trovo tutto questo abbastanza romantico (se mi passate il termine).

Speriamo bene per il prossimo disco...le ultime uscite di Paul Gilbert e soci non mi sono dispiaciute affatto, anche se Eric Martin ha perso parecchia brillantezza in termini di voce. Ma pazienza, il tempo passa per tutti... In ogni caso, ci sarà ovviamente la recensione su Given to rock, quindi Stay tuned!

Recensione: Secret sphere - The nature of time (2017)

I torinesi Secret Sphere ritornano sul mercato con un nuovo disco, a 5 anni dall'ultima fatica in studio. The nature of time é un concept che parla di un'esperienza tra la vita e la morte con una ragazza che vive diversi "stadi" (vedere tracklist a fondo pagina per sapere quali sono) prima di tornare in vita.

Cosa mi é piaciuto di questo The nature of time? La naturalezza con la quale é stato realizzato. Quello che traspare dall'ascolto é infatti una sorta di "go with the flow" e senza troppi schemi imposti dal power metal (genere di riferimento della band). Ecco quindi trovare diversi momenti "diversi" o rilassati all'interno del disco e due ballad nelle prime quattro tracce (se si esclude l'intro Intermission): Love e Kindness (vi posto il video a fondo pagina), entrambe con ottime melodie e non banali. In generale, quello che percepisco dall'ascolto intero è come il tutto sia venuto fuori con molta naturalezza, pur ovviamente n…
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...