27/03/13

Recensione: Avantasia - The mystery of time (2013)

Diciamolo, Tobias Sammet é una garanzia.
Non che tutti i suoi "prodotti" siano eccelsi, affatto, peró diciamo che difficilmente si rimane completamente delusi dai suoi dischi, essendo in grado di affermare: "questo disco fa cagare". Questo The mystery of time, infatti, non solo non fa cagare, é pure un gran bel disco, probabilmente il miglior Avantasia dopo i primi due, inarrivabili, capitoli.A proposito, se volete la mia breve opinione su tutti gli album Avantasia cliccate qui senza timore. Se avete timore non fa nulla.

Il difetto che posso trovare a questo The mystery of time é quello della prevedibilitá: le idee del buon Tobias oramai sono quelle e non possiamo aspettarci grosse soprese dal suo sound, a parte il salto dal power metal all'hard rock "sinfonico" di diversi anni fa, avvenuto sia con gli Edguy che con gli Avantasia.
A parte quel grosso cambiamento, ormai metabolizzato, il sound scorre abbastanza liscio senza troppi sconvolgimenti, ma sempre con buona ispirazione, nonostante la pesantissima assenza di Jorn Lande tra le file degli ospiti. Alcune canzoni sono un po' troppo "stereotipate" come l'opener Spectres (che peró gode di una notevole introduzione, vera, orchestrale) e Saviour in the clockwork, buonissimo pezzo, ma dove moltissimi passaggi sono riconducibili ad altri spezzoni presi qui e li dalla folta discografia di Tobias.

Veniamo ai punti forti del disco, che in realtá sono parecchi: chi ha detto Kiske? Nessuno? Lo dico io. In questo disco é a livelli incredibili e ogni volta che apre bocca mi metto ad applaudire lo stereo (o i miei auricolari). Ascoltare per credere le veloci e pompate Where clock hand freeze e Dweller in a dream (ma che nota prende al minuto 2.20?!). Giú il cappello.
Immenso Kiske a parte, altri pezzi decisamente ispirati sono The watchmaker's dream con un notevole Joe Lynn Turner e un grandissimo Biff Byford protagonista in Black orchid, che ha sí la stessa struttura di molte altre canzoni di Tobias ma é arricchita di altri piccoli e nuovi particolari. Uno dei pezzi piú riusciti del disco, secondo me.

Veniamo allo scomodissimo singolo Sleepwalking: all'inizio abbastanza spiazzante per la sua, diciamo, musicalitá pop a lá Lost in space (ho letto un divertentissimo commento che affermava che sarebbe perfetta per una pubblicitá di cioccolattini). Sapete che vi dico? E' vero che é perfetta per una pubblicitá di cioccolattini, ma non solo mi piace, ma mi piace pure parecchio. Trovo la prova vocale di Cloudy Yang assolutamente perfetta. Non mi giudicate, per questo.

A completare il disco la veloce e potente Invoke the machine con Ronnie Atkins al microfono, What's left on me con un Eric Martin che prende cosí tanto le redini della canzone che sembra quasi di ascoltare un bel lentone dei Mr big, e la conclusiva, poco decifrabile, The great mystery: un lungo mix tra ballad, orchestrazioni, accelerazioni e quant'altro con Bob Catley sugli scudi.

Concludo menzionando anche l'ottimo packaging dell'edizione speciale: cartonato, con un folto booklet e con 2 bonus tracks: The cross of you e Death is just a feeling (cantata dal solo Tobias)

Dopo i parziali flop dei due precedenti Avantasia, pieni zeppi di riempitivi, Tobias ha fatto centro, con un disco che mantiene un buon livello per tutta la sua durata. Giú il cappello anche per lui, ormai punto di riferimento per il rock/metal moderno.

Voto 7,5

Top tracks: Black orchid, Sleepwalking, Dweller in a dream

Tracklist:
  1. Spectres
  2. The Watchmaker’s Dream
  3. Black Orchid
  4. Where Clock Hands Freeze
  5. Sleepwalking
  6. Savior In The Clockwork
  7. Invoke The Machine
  8. What’s Left Of Me
  9. Dweller In A Dream
  10. The Great Mystery