01/08/19

Ascolti di luglio 2019

Rieccoci qui, ancora una volta, alla consueta rubrica che riguarda i miei ascolti, piú o meno assidui, del mese precedente.

Questa volta provo a cambiare un po' il formato e a mettere qualche link di Youtube, invece che mettere quelli di Spotify. Fatemi sapere se preferivate il formato precedente o meno, in caso.

Venendo a noi: durante questo luglio ho ascoltato parecchio Chris Cornell, sia da solista con il suo ultimo (ahinoi) album Higher truth e sia con il live appena uscito dei Soundgarden, live from the artists den (cliccate per la relativa recensione).



Evidentemente uno dei miei album preferiti dell'anno, perlomeno fino a questo momento, é l'ultimo dei D-A-D, a Prayer for the loud, dato che continuo ad ascoltarlo senza mai toglierlo dalla playlist. Hard rock vecchia scuola ma che non suona neanche troppo antico. A me questi qui piacciono parecchio, non so a voi.



Vi segnalo anche l'uscita di due ottimi EP live dei Foo Fighters, soprattutto quello registrato a Londra nel 2011 (li avevo visti qualche mese prima, quindi non ho assistito, purtroppo, al concerto in questione) che ho messo su spesso in cuffia prevalentemente per degli spostamenti brevi (data la durata esigua del live). Tra l'altro, la Roundhouse di Londra, il posto dove é stato registrato l'EP che vi ho linkato, é una delle mie venue preferite. Se vi capita, vi consiglio assolutamente di visitarla.




The space between the shadows di Scott Stapp é un disco che ho ascoltato pure parecchio. Non che mi abbia fatto impazzire, come ho detto in sede di recensione, ma un ascolto piacevole, senza dubbio.



E' stato un mese abbastanza complicato nella mia vita quindi ho ascoltato meno musica del solito. Il minimo sindacale, peró, non manca mai. Se un mese non dovessi ascoltare nulla, vuol dire che saró quasi morto. Fatemi sapere cosa avete ascoltato voi.