Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2017

Ascolti di maggio 2017

Ascolti abbastanza classici per questo mese.
Beh, ho provato ad ascoltare molte nuove uscite ma, per un motivo o per un altro, non sono mai state per lungo tempo nella mia playlist. Resiste invece il nuovo Art of Anarchy (ci sono due o tre canzoni in particolare che mi fanno sballare) e il nuovo Ayreon che, data la lunghezza, però posso solo ascoltare quando ho abbastanza tempo.

Mi rilassa e mi diverte ascoltare un po' della Zac Brown band (scoperta grazie a Dave Grohl e al suo documentario Sonic Highways) e, sempre grazie ad un bellissimo documentario, sto ascoltando un classico heavy metal degli Anvil: Metal on metal. Se non avete mai visto il loro tragicomico documentario dategli un'occhiata, veramente bellissimo.

Infine roba classica come Toys in the attic degli Aerosmith, il da poco recensito Cuts like a knife di Bryan Adams, il greatest hits di RJ Dio e, infine, Badmotofinger dei Soundgarden, con tanto di sospirone annesso...

Come al solito vi butto i link qui sotto per …

Live report: Iron Maiden - Live at the 02 arena, London 28/05/2017

Immagine
Dopo un pomeriggio difficile e corse sotto la pioggia mi appresto ad entrare per l'ennesima volta alla bellissima 02 arena, stavolta veramente presidiata come un campo di battaglia per via degli ultimi eventi terroristici. Quello scenario mi ha fatto pensare che siamo in guerra. Non guerra come siamo stati abituati a vederla oppure a studiarla sui libri di scuola, ma una guerra moderna. Ma non siamo qui per parlare di argomenti, purtroppo, di attualità ma che poco c'entrano con la musica e con il concerto in questione.

Videorecensione: Bryan Adams - Cuts like a knife (1983)

Immagine
Non so in realtà il motivo per il quale abbia deciso di fare la videorecensione di questo vecchio disco di Bryan Adams. Vabbè, se siete interessati all'argomento (e a vedere Bryan con un coltellino, nel videoclip) cliccate pure play.


Top 10: Chris Cornell

Immagine
Per rendere omaggio a Chris Cornell ho voluto preparare una Top 10 che provi a racchiudere un po' tutta la sua carriera. Ho provato, quindi, a citare la sua carriera solista cosí come tutti i suoi progetti senza dimenticare ovviamente la sua band madre - i Soundgarden.

Cominciamo:

10) Like a Stone (Audioslave - 2002)
Come ho detto in qualche altra occasione, non sono mai andato pazzo per gli Audioslave che trovo un mix un po' forzato tra Rage against the machine e Soundgarden. Questa Like a stone però mi è rimasta sempre in testa. Se devo scegliere una canzone di quel periodo, scelgo sicuramente questa. O Cochise. Vabbé, questa.



9) Rusty cage (Soundgarden - 1991)
I soundgarden incazzatissimi dei primi periodi (nello specifico del periodo Badmotorfinger) con riff veloci e delay a mille. Il video non lo trovate sotto ma potete cliccare sul titolo e vi apparirà. I'm gonna break my rusty caaaaaageeeeee.

8) You know my name (Casino Royale OST - 2006)
Questa canzone non é un capola…

Tenacious D - Beelzeboss (ROCK & METAL IMPRESSIONS COVER)

Immagine
Dopo quello che è successo negli ultimi giorni proviamo a sdrammatizzare un po' con un video divertente trovato su YouTube.

L'utente Parasyche si è infatti divertito a cantare sulla canzone Beelzeboss (originariamente cantata dai Tenacious D con Dave Grohl special guest nella parte del diavolo) imitando un sacco di cantanti, molti dei miei quali sono i miei preferiti (per questo sto pubblicando il video, alla fine).

Parasyche (non so come si chiami in realtà questo ragazzo) ci fa ascoltare la sua versione dei vari James Hetfield, Serj Tankian, Ozzy Osbourne, Bruce Dickinson, Mike Patton, Axl Rose, Lemmy, Eddie Vedder e Dave Mustaine (veramente perfetto quest'ultimo, in particolare) sulle note di questa bella traccia dei Tenacious D e nella maggior parte dei casi il risultato è davvero ottimo. Solo Kurt Cobain non mi convince e Bruce Dickinson così così.


I colleghi ricordano Chris Cornell

Immagine
Inutile dire che negli ultimi giorni in rete non si è parlato d'altro, giustamente, che della morte di Chris Cornell.

In questa pagina ho voluto raccogliere alcuni dei video più interessanti che mi è capito di trovare in rete in cui alcuni colleghi hanno ricordato Chris a loro modo. Fra tutte, buone le cover degli Stone sour e dei Queensryche. Apprezziamo anche il tentativo di Dave Mustaine che non ce la fa più a cantare neanche le canzoni dei Megadeth, figuriamoci quelle dei Soundgarden dei primi periodi, ma prima della canzone metterà un po' le mani avanti.

Ciao Chris...

Immagine
Non so cosa dire... So che devo scrivere qualcosa ma non so che cosa.
Devo scrivere qualcosa perchè chi segue il blog è a conoscenza della stima che provo per Chris Cornell... Chris è morto ieri notte dopo un concerto tenuto dai Soundgarden a Detroit. Di seguito un video amatoriale della performance di ieri.

Ascolta un nuovo brano dei Foo Fighters - The Sky Is A Neighborhood

Immagine
Instancabile Dave Grohl che in uno show di beneficienza a San Francisco, accompagnato dal fido batterista Taylor Hawkins, ha presentato quella che presumibilmente è una nuova canzone dei Foo Fighters (nuovo album in vista?).

Il pezzo si chiama The sky is a neighborhood e mi è piaciuto parecchio sin dal primo ascolto: è un blues alla vecchia maniera ma cantato à là Dave Grohl e con uno spirito moderno.

Purtroppo la registrazione dell'audio è amatoriale, ma ho preso quella più decente che si trova in rete (fino a questo momento) dove si intuisce abbastanza bene quello che è (e potrà essere in versione full band) il brano.

Ok, basta parlare, Enjoy.

Dentro le canzoni: Dio - Don't talk to strangers (1983)

Immagine
Ci sono canzoni che quando le ascolti profumano talmente di Heavy metal che le inseriresti come sinonimo nel dizionario: Don't talk to strangers di Ronnie James Dio é sicuramente una di queste, per quanto mi riguarda. In una breve compilation per far capire cosa sia l'heavy metal ci sarebbe sicuramente posto per quella che è la mia canzone preferita del compianto Ronnie.

Recensione: Parco Lambro - Parco Lambro

Immagine
Recensione a cura di Andrea Roddi Parco Lambro, combo friulano che ha dato alle stampe questo lavoro intenso e fondamentale nel 2016, è davvero una bella realtà, cinque musicisti padroni dello strumento e funambolici esecutori di note egregiamente incastrate.

Mirko Cisilino è colui che firma i brani della band, ma è in possesso di una macchina da guerra oliata al punto giusto e pronta a sferrare qualsiasi attacco a gran parte della scena rock italiana, i ragazzi che suonano al suo fianco la sanno davvero lunga in fatto di tecnica e gusto nell’arrangiamento.

Chitarre distorte che emergono sempre al momento opportuno nelle canzoni conferendo potenza e retta via alla composizione, ma chi fa realmente da padrone all’intero lavoro è la riuscita interazione, oserei definirla intesa, tra tastiere, fiati, basso e batteria.

Giuseppe Calcagno, Clarissa Durizzotto, Andrea Faidutti, Alessandro Mansutti ed il già citato Mirko Cisilino hanno fatto un grandissimo lavoro strumentale nel 90% del disco …

La scheda - daRKRam

Immagine
Breve descrizione/bio della band:
daRKRam è lo pseudonimo black metal del musicista Ramon Moro, trombettista attivo da venti anni in ambiti jazzistici, sperimentazioni elettroniche, pura improvvisazione, supporto per band rock, preziosi interventi su album di musica leggera e cantautorale. Per la sua predisposizione all’improvvisazione, alla cura del suono e alla sua sensibilità ad interagire con altre forme espressive, viene richiesto sempre più spesso a collaborare con artisti visivi e autori teatrali. É sua la doppia performance sull’installazione di Richi Ferrero Bwindi Light Masks. Band di riferimento: 3quietmen, power trio attivo dal 99, esibizioni di rilievo come Festival Jazz di Magdeburgo, RomaJazzFestival2009, tournèe in Cina nel 2008. Stone and Death è il primo disco solista firmato daRKRam, concept album dark ambient black metal; immersioni negli inferi dell’anima oscura, ambientazioni apocalittiche, fenomeni naturali catastrofici, la solitudine del silenzio, depressione e…

Videorecensione: Judas Priest - British steel (1980)

Immagine
Ho colto al volo il suggerimento di fare qualche videorecensione sui Judas Priest.

British steel é il mio album preferito della band e uno dei piú importanti, in generale, della NWOBHM (sapete cosa vuol dire, vero?). Beccatevi, quindi, qualche parola su questo splendido album di Rob Halford e soci.

PS: non ho idea del perchè l'inquadratura si muova, all'inizio. Misteri della tecnologia. Nell'inquadratura credo di stare cantando Breaking the law.



Tracklist:
1. Breaking The Law
2. Rapid Fire
3. Metal Gods
4. Grinder
5. United
6. Living After Midnight
7. You Don't Have To Be Old To Be Wise
8. The Rage
9. Steeler
10. Red, White & Blue
11. Grinder (live)

Rage - il nuovo album é quasi pronto - Trailer dallo studio

Immagine
Peavy Wagner é davvero infaticabile.
Dopo il riuscitissimo The devil strikes again (clicca per leggere la recensione) uscito neanche un anno fa, i suoi Rage sono pronti per l'ennesima fatica discografica. Volete il dettaglio? Ok, il disco si chiamerá Seasons Of The Black e uscirá il 28 di luglio. Qui sotto potete vedere il primo trailer del disco con la band - in formazione invariata rispetto al predecessore- intenta a registrare. Le prime note che vengono fuori e che possiamo udire da questo trailer sembrano ottime e gustose.
Grande Peavy, altro che band che fanno un disco ogni 6-7 anni...

Update - man mano che escono, aggiorneró la pagina con gli altri video dallo studio.

La scheda - Minerva

Immagine
Breve descrizione/bio della band:
Ciao a tutti, siamo i Minerva, band proveniente dalla provincia di Bergamo. Il progetto nasce nel 2012 dall’incontro tra i chitarristi Davide e Lorenzo con il bassista Stefano.
Dopo svariati cambi nella formazione la band si stabilizza con L’arrivo di Serena Caponera alla voce e Davide Vigani alla batteria. Il 1 Marzo 2017 esce il nostro primo disco “Entroterra”, prodotto da Marco Ghezzi.

Genere musicale:
indie/alternative rock.

Line-up attuale:
Serena Caponera (voce)
Davide Milesi (chitarra)
Lorenzo Fustinoni (chitarra)
Stefano Belotti (basso)
Davide Vigani (batteria)

Album/EP/Demo all'attivo:
1 demo – DemOne
1 cd – Entroterra (uscito il 1 Marzo)

Influenze:
Veniamo da influenze differenti tra di noi. Serena (la cantante) viene dal Grunge/Punk, Lorenzo e Davide (i chitarristi) dal Metal, Stefano (il bassista) dal Hard Rock e Davide Viggs (il batterista) dal Progressive.

Di cosa parlano i vostri testi:
Parlano di viaggi, ricordi ed evoluzione di pensie…

Ascolti di aprile 2017

Dopo la baraonda di ascolti del mese passato, sono ritornato ad ascolti più "ordinati". I nuovi dei Deep Purple, Infinite, e The Madness degli Art of anarchy. poi sulla scia del bellissimo concerto, ho ripreso ad ascoltare In the passing light of day dei Pain of Salvation (che tristezza scoprire che Ragnar Zolberg, al quale si deve dare gran merito di quest'album, ha lasciato la band). Resistono ancora in Heavy rotation il nuovo dei Metallica, l'ottimo live degli Annihilator - Triple Threats - e il buonissimo ultimo lavoro di Blaze.

Mi è rimasto dal casino del mese scorso Images & words dei Dream theater: ascoltando la magnificenza di quest'album ho deciso di non andare al concerto dove la band lo eseguirà per intero. A parte il fatto che sarà suonato mezzo tono sotto, amo troppo le performance da studio di LaBrie e di Portnoy. Uno non c'è più e l'altro non ha più la voce per cantare queste canzoni , che diciamolo , sono tecnicamente difficilissime. V…