Recensione: Mike Lepond’s Silent Assassins – Whore of Babylon (2020)


Chi é Mike Lepond? Ve lo avevo giá spiegato nella recensione del disco Pawn and Profecy (clicca per la recensione), ma eccolo tornato con un nuovo capitolo dei suoi Silent assassins, chiamato Whore of Babylon (titolo che piacerebbe a Tobias Sammet), disco che ci é piaciuto, anche se leggermente meno del precedente. C'é sempre tanta sana follia, tante idee e contaminazioni diverse in questo nuovo disco, anche se forse é leggermente piú quadrato rispetto al giá citato predecessore. La voce di Alan Tecchio é sempre quella, piacevolmente "sguaiata" (anche se in determinate occasioni forse si passa il confine del "piacevolmente").

Venendo un po' alle tracce, si parte bene con Dracul son (vi lascio il video a fondo pagina) e soprattutto con la successiva Ides of March che ricorda gli Iron Maiden sia nel titolo che nella cavalcata portante del pezzo. Per questo e soprattutto grazie alla melodia vincente del ritornello é sicuramente il mio pezzo preferito del disco. Interessante anche Night Of The Long Knives (che sembra presa da un disco degli Avantasia (a proposito di Sammet), mentre Champion é una ballad abbastanza tipica del genere (quale genere?) dove la protagonista é Sarah Teets, sia a livello vocale che con il suo flauto.

Power of steel ha il riff praticamente scippato agli Ac/dc di Hard as a rock, che vi avevo giá citato in questa pagina. Sempre tanto basso in primo piano e in bella mostra, vedi la bellissima title track con tanto di atmosfere orientaleggianti e nella lunga e conclusiva Avalon, dove Mike ci ribadisce, se mai ce ne fosse bisogno, tutte le sue doti di strumentista e il suo amore per le atmosfere ottantiane (e anche per i Judas Priest e i Deep Purple, se vogliamo).

Whore Of Babylon é un disco molto interessante e personale, suonato con maestria (gli appassionati delle 4 corde godranno non poco) e con una forte impronta e passione per sonoritá oggi un po' superate. Forse per questo mi piace.

Voto 69/100
Top tracks: Ides Of March, Whore Of Babylon, Avalon.

Tracklist:
01. Dracul Son
02. Ides Of March
03. Tell Tale Heart
04. Night Of The Long Knives
05. Champion
06. Ironborn
07. Lady Bathory
08. Power Of Steel
09. Whore Of Babylon
10. Avalon

Alan Tecchio: vocals
Sarah Teets: vocals; flute on track 5
Lance Barnewold: guitars on tracks 1, 2, 3, 6, 7, 8
Rod Rivera: guitars on tracks 4, 5, 10
Mike LePond: basses; rhythm and acoustic guitars
Michael Pinnella: piano on track 3, organ on track 10
Michael Romeo: drums; keyboards, orchestration, mandolin

Posta un commento

0 Commenti