30/05/14

La discografia (semiseria): Helloween

Parliamo un po' di Power metal? Parliamo della storia, ma anche del presente...gli Helloween.
Vediamo cosa hanno combinato in questi anni...
Come al solito non staró dietro a tutte le raccolte, i live ed i cambi di line up, sennó ci metto un anno per completarla.

WALLS OF JERICHO (1985)
I giovanotti (non Jovanotti, eh) partono con Kay Hansen alla voce e con un Heavy metal abbastanza tradizionale, con un pizzico di pepe, ehm power. Kay ha una ottima estensione e una buona attitudine, ma non é proprio il miglior cantante del mondo e si sente. Walls of Jericho é un po' acerbo e non troppo personale ma sicuramente molto buono e fresco. Fresco? Dove siamo, in pescheria?

Voto 72/100
Top tracks: Ride the sky, Victim of fate, Judas

28/05/14

Videointervista: Caelestis

E' la volta dei ragazzi dei Caelestis.

La band si sottopone simpaticamente alle domande di Given to rock.. vediamo che succede.



Contatti:
caelestismusic.org
https://www.facebook.com/caelestisofficial?fref=ts
https://twitter.com/CaelestisMusic

26/05/14

Lemmy appare in un pancake

Apparizioni, sparizioni, statue che piangono sangue, moltiplicazione di pane e pesci, presunti miracoli, triccheballacche...

Da oggi, a tutte queste meraviglie, possiamo aggiungere anche l'immagine del mitico Lemmy dei Motorhead, apparsa magicamente in un pancake.

Nuova religione in vista?



25/05/14

Recensione: Unisonic - For the kingdom (EP - 2014)

Manca poco al prossimo album degli Unisonic di Michael Kiske e di Kay Hansen ma nel frattempo possiamo gustarci questo EP nuovo di zecca, dal titolo For the kingdom. Perché gli Unisonic hanno fatto un EP prima di un album? Non lo so, ma é comunque buona musica, quindi va bene, non stiamo sempre li a sentenziare (parlo con me stesso).

24/05/14

I 5 momenti di...Pearl jam - Lightning bolt

La rubrica "I 5 momenti di..." si spiega molto semplicemente: sono i 5 momenti che preferisco di un disco. Possono essere degli assoli, dei suoni, delle frasi o dei particolari apparentemente insignificanti.
Come sempre scusate per l'italiano approssimativo (improvviso, non scrivo né preparo nulla) e la faccia da culo durante l'ascolto delle canzoni.

23/05/14

Sottovalutate e sopravvalutate: Dream Theater

E' il momento di parlare un po' di canzoni sopravvalutate e sottovalutate.
Le sopravvalutate sono quelle canzoni che ci hanno rotto le cosidette o che magari hanno avuto, secondo il mio punto di vista, piú successo di quello che meritavano. Allo stesso tempo, é giusto dare un po' di risalto alle canzoni sottovalutate, quelle che nessuno si fila, quelle che l'ascoltatore casuale non conosce o quelle che spesso non vengono "cagate" neanche dalla band in questione.

21/05/14

Videointervista: Ylium

Intervistiamo oggi i ragazzi degli Ylium, vediamo cosa ci raccontano...
Chiedo scusa per le domande girate con aria e ambientazione da serial killer. Le scene sono state girate, appunto, non lontane dalle zone frequentate da Jack lo squartatore. Se può farvi stare meglio vi dico con più precisione che la location era l'esterno dell'università Queen Mary, la stessa dove si è laureato Bruce Dickinson. Va meglio?
Ok, ora bando alle ciance e veniamo alla band.


20/05/14

Recensione: The black keys - Turn blue (2014)


Recensione a cura di Eli Brant.

Moscio. Moscissimo. E pure un (bel) po’ ripetitivo.
Avvertimento per i fanatici di “El Camino” o “Brothers” (i due fiori all’occhiello della discografia del duo dell’Ohio): restate a debita distanza. Bene. Ora dopo essermi sfogato ed aver smontato “Turn blue” prima ancora di cominciare, posso tentare di analizzare con serenità quest’album.

17/05/14

Chiedilo a Given to rock (live dalla statua di Freddie Mercury)

Invece di rispondere alle domande dalla solita discutibile location casalinga, ho deciso di cogliere l'attimo ed improvvisare in una location molto rock.

Il capello era piú imbarazzante del solito, ma vabbe'...

16/05/14

Recensione: Timo Tolkki's Avalon - Angels of the Apocalypse (2014)

Riecco Timo Tolkki, più bello che mai.
Ci eravamo lasciati con il primo scopiaz.. ehm capitolo The land of the new hope, avrà fatto meglio stavolta? Intanto cominciamo col dire che il paffuto chitarrista ha sostituito qualche ospite per rendere il progetto un po' meno simile ad Avantasia. Beh non proprio tutti, ma quantomeno ha avuto il buon gusto di non chiamare Michael Kiske. Parlavamo degli ospiti, eccoli qui: Floor Jansen (Nightwish) Simone Simons (Epica), Fabio Lione (Angra, Rhapsody of Fire), David DeFeis (Virgin Steele), Zachary Stevens (ex Savatage, Circle II Circle), Elize Ryd (Amaranth). Niente male, aggiungerei.

15/05/14

Recensione: Dio - Live in London, Hammersmith Apollo 1993 (2014)


Se il buon Ronnie James Dio non fosse morto questo live avrebbe mai visto la luce?
Probabilmente no, peró quando la proposta musicale é di cosí alta qualitá, si perdona tutto, no? Se conoscete la carriera del "folletto", in realtá c'é ben poco da dire e da spiegare riguardo questo live del 1993, registrato presso la bellissima Hammersmith apollo di Londra. Parlando di performance vocali? Beh, stiamo parlando di una delle piú belle voci di sempre e, come detto prima, c'é poco da dire: praticamente perfetto. Penso di poter affermare con tranquillitá che Ronnie non é(ra) uno che usava "sortilegi" in studio, quando ascolti un live di RJD, sai che quello che senti é quello che ha realmente cantato.

14/05/14

Recensione: Down - IV part 2 (2014)

Io i Down non li capisco piú.
Perlomeno, non capisco dove vogliano andare a parare e che progetti abbiano.
Pubblicati i 3 full lenght (con qualitá discendente, il primo di quasi 20 anni fa é un capolavoro), si sono recentemente tuffati nel mondo degli EP, praticamente dei mini album in 4 parti.
Il primo, con 6 tracce, é del 2012, il secondo, con altrettante tracce, é appena uscito.
Qui scatterebbe la prima domanda: perché fare degli EP che durano cosí tanto? Questo part 2 dura 36 minuti. La seconda sarebbe: perché tutto questo tempo tra un EP e un altro, quando nei piani iniziali si parlava di 4 EP ravvicinati? La terza domanda sarebbe: perché ogni singolo EP non si concentra su ogni particolare aspetto della band, come dichiarato? Ah, l'ultima: perché non fare due LP corti invece di 4 EP lunghi?

12/05/14

Top 10: Canzoni rilassanti


Oggi non parliamo di ballad o di canzoni piú belle di altre, bensí di canzoni che mi rallentano il battito cardiaco, quasi come se ci fosse qualcosa di scientifico dietro. E sono sicuro che c'é. Da qualche parte.

Fesserie a parte, cominciamo con la top 10.
Ah, quando non vedete la canzone, cliccate sul titolo e vi apparirá.

11/05/14

Videorecensione: Iron maiden - Dance of death (2003)

Beccatevi la videorecensione di Dance of death degli Iron maiden, album del 2003 con una copertina oscena (ne parlerò ampiamente) ma con tanti buonissimi contenuti (e persino con una canzone scritta da Nicko McBrain!).

A mio modo di vedere é nettamente il miglior album dopo la reunion con Bruce Dickinson e Adrian Smith. Che ne pensate, siete d'accordo?



Tracklist: 
1. Wildest Dreams
2. Rainmaker
3. No More Lies
4. Montségur
5. Dance Of Death
6. Gates Of Tomorrow
7. New Frontier
8. Paschendale
9. Face In The Sand
10. Age Of Innocence
11. Journeyman

09/05/14

L'entusiasta: Megadeth - Risk

L'entusiasta è colui che si accontenta di poco. E' un visionario e un sognatore che vede sempre il lato positivo delle cose e che ama praticamente qualsiasi cosa ascolti.

Non so perché Dave Mustaine ha apostrofato questo disco come un "Risk" (termine preso da una dichiarazione dell'amico di sempre Lars Ulrich), quando non c'é assolutamente nulla di insolito. Il disco, infatti, é grandioso come tutti gli album dei Megadeth. Nessun rischio, solo canzoni fantastiche. Ma andiamo per gradi e pensiamo prima alla copertina.
Una trappola per topi...(si vede meglio nel retro o nella copertina alternativa della ristampa, ma é una trappola per topi, tranquilli.) chissá cosa avrá voluto dire MegaDave con questa trappola...cosa vuole simboleggiare... La mia interpretazione é la seguente: venite, venite, avvicinatevi, annusate il mio prodotto...una volta li, verrete schiacciati e sopraffatti dalla potenza e dalla qualitá di Risk!

05/05/14

Top 10: Red Hot Chili Peppers

Parliamo oggi dei Red Hot Chili Peppers, band per me immensa fino al 1999.

10) Me & my friends (da the upflift mofo party plan)
Rinominata successivamente con "and" al posto della "&" (informazione gratuita e insignificante), questa canzone é del primissimo periodo ma i RHCP l'hanno ripescata molto spesso durante la seconda parte di carriera. Divertentissima e con Flea nella parte del solito trattore. Consiglio di guardare il video (cliccando sul titolo della canzone) a 0.53, un bel vedere.


02/05/14

Top 10: canzoni brutte (di band famose)

E' facile trovare canzoni brutte, il mondo ne é pieno. Meno facile trovare quelle cantate da nomi che, in qualche modo, hanno fatto la storia della musica o che godono di milioni di fan in tutto il mondo.
Vediamo cosa é saltato fuori da questa ricerca. Come al solito, i vostri commenti/insulti sono graditi. Oppure, ancora meglio, fate voi la vostra classifica. Intanto godetevi 'ste meraviglie.

Se non vedete il video, sotto la canzone, cliccate sul titolo e la canzone vi apparirá in tutta la sua bruttezza.

01/05/14

Videorecensione: Alter bridge - Blackbird (2007)

Spero per voi che invece di guardare questa delirante video recensione siate a festeggiare il primo di maggio in maniera appropriata. Nel caso siate a casa, godetevela (!).

Il disco in questione (come spiegato già nel titolo) è Blackbird degli Alter bridge, un disco da fare vostro ad ogni costo perchè oltre ad essere un gran disco (probabilmente rimarrà per sempre il miglior album degli AB) contiene un pezzo epocale: la title track è roba da spellarsi le mani. Ma c'è anche dell'altro. Insomma, fatelo vostro e basta, fidatevi.


Riguardandola mi sono accorto che ho dimenticato di dare il voto e di nominare le mie tre canzoni preferite. Potevate forse farne a meno? Ecco che rimedio subito. Vi lascio anche la tracklist per avere qualche info in più.

Voto 80/100

Top tracks: Brand New Start, Coming Home e un'altra che non ho bisogno di nominare perchè l'ho fatto pure troppo.

Tracklist:
1. Ties That Bind
2. Come To Life
3. Brand New Start
4. Buried Alive
5. Coming Home
6. Before Tomorrow Comes
7. Rise Today
8. Blackbird
9. One By One
10. Watch Over You
11. Break Me Down
12. White Knuckles
13. Wayward One