Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2019

Ascolti di settembre 2019

La mia ex mi ha "anche simpaticamente" (cit.) revocato l'accesso a Spotify (non la biasimo, sia chiaro), quindi ecco che per questo mese i link non saranno i soliti bensí saranno quelli di Tidal, un nuovo servizio che sto provando.

Volevo dare una chance a qualche altro servizio e ho letto che Tidal concede l'opportunità (a caro prezzo, sia chiaro) di ascoltare musica in qualità persino superiore a quella del CD. Considerando questa premessa (e soprattutto al fatto che c'era un mese di prova gratuita) non ci ho pensato un secondo, dato che sono stanco di ascoltare le mie canzoni preferite per strada in infima qualità MP3.

Come nuove uscite ho ascoltato piú volte il live di Slash (e compagnia bella), Living the dream tour e i nuovi lavori di Iggy pop e di Alice Cooper (trovate le relative recensioni sul blog). Resiste in playlist il bellissimo live dei Sons of Apollo con l'orchestra e fra le cose ripescate dal passato, ho ascoltato molto i Faith no more e gli

Primo ascolto: The Darkness - Easter is cancelled

Terzo singolo per i The Darkness, che pubblicheranno il nuovo album esattamente fra una settimana.
E' uno degli album che attendo con piú impazienza del 2019, visto quanto mi sono piaciuti gli ultimi due da studio della band dei fratelli Hawkins.

Questa volta ascoltiamo insieme la title track Easter is cancelled. Fatemi sapere che ne pensate.
Vi lascio la tracklist dell'album dopo il video.



Tracklist:
01. Rock and Roll Deserves to Die
02. How Can I Lose Your Love
03. Live ‘Til I Die
04. Heart Explodes
05. Deck Chair
06. Easter is Cancelled
07. Heavy Metal Lover
08. In Another Life
09. Choke on It [Explicit]
10. We Are the Guitar Men

Primo ascolto: Ozzy Osbourne & Post Malone - Say what you want

La mia espressione nell'anteprima dice tutto: eccomi ad ascoltare la collaborazione del "Principe delle tenebre"(ora "principe del rap", probabilmente) con tale Post Malone, che sará pure famosissimo ma che non conosco perché molto fuori dalla mia cerchia musicale.

Ebbene si, il nostro caro vecchio Ozzy Osbourne ci ha fatto questa brutta sopresa. In realtá c'é anche una bella sorpresa che lo riguarda, se cliccate play ne parlo circa a metá video.

Gustatevi (si fa per dire) la canzone.

Fred Argir

Immagine
Fred Argir é un musicista, artista e membro della Grammy Recording Academy di Minneapolis che ha pubblicato sette album e un singolo in dieci anni, tutti scritti, prodotti e progettati da solo.  L'approccio alla musica guidato da DIY di Argir è un'estensione dei suoi oltre 30 anni di esperienza di registrazione ed esibizione, e, non solo Fred crea gli album da solo, ma suona tutti gli strumenti su di essi (ad eccezione della batteria dal vivo). "Dico spesso che devo scrivere musica, come forma di terapia", dice Argir, quando gli viene chiesto della sua etica del lavoro. "Se non avessi uno studio in cui lavorare, registrerei la musica sul mio cellulare. Troverei un modo per farlo."

Recensione: Slash featuring Myles Kennedy and The Conspirators - Living the Dream tour (2019)

Immagine
Se dovessimo separare e giudicare le carriere di Axl e Slash dopo lo scioglimento dei Guns n' roses (che non considereró completamente riuniti finché non faranno un nuovo disco, se mai lo faranno) direi che il punteggio pende nettamente a favore del riccioluto chitarrista per quantitá e qualitá di produzione. Ultimamente ha dichiarato che non é neanche piú costretto ad inserire in setlist canzoni della band madre, in quanto la sua produzione solista é bella che rigogliosa e florida. Infatti troveremo solo Nightrain, in questo concerto.

La scheda: Andre Tonelli

Immagine
Breve descrizione/bio della band:
Sono chitarrista e mi dedico principalmente alla musica strumentale.
Come descrizione, mi piace questo piccolo estratto da una recensione di Fill The Sky di una nota rivista musicale italiana: "Non si tratta di un album per soli chitarristi, ma di dieci tracce in grado di parlare a chiunque ami la musica. Lo scopo di Andre Tonelli non è tanto quello di mostrare l’abilità con lo strumento - che c’è e si sente - ma quello di emozionare con un disco molto melodico, mai piatto e mai banale.”

Recensione: Iggy Pop - Free (2019)

Immagine
Avevamo lasciato Iggy Pop con il suo ultimo album Post pop depression (clicca per la recensione) che, a dirla tutta, non mi aveva entusiasmato neanche un po'. E' andata meglio con questo nuovo Free? In realtá no, ma quantomeno é bello vedere che Iggy si é proprio liberato dagli schemi del passato e vedere che in questo disco abbia fatto un po' quello che ha voluto, spaziando tra tante atmosfere e generi diversi. In questo senso il titolo del disco sembra abbastanza esplicativo.

Alias Wayne

Immagine
Ecco Alias Wayne che ci propone, in una chiave abbastanza diversa, la famosissima cover Ring of fire di Johnny Cash. Potete ascoltarla cliccando sui link sottostanti.

Primo ascolto: Alice Cooper - Detroit City 2020

Il buon vecchio Alice Cooper è come il vino: invecchia alla grande.

Ascoltare per credere questa nuova Detroit city 2020 e il suo nuovo EP, dal titolo Breadcrumbs, con un po' di cover succulente. Spiego qualcosa di più della canzone nel video sotto.
Vi lascio anche la tracklist di Breadcrumbs.

The issue

Immagine
I The issue sono un gruppo statunitense Hard rock giovane, energico, con base a Minneapolis, MN.

The Moving On (EP) è il secondo prodotto in studio della discografia dei The Issue. La band ha attinto da varie band con le quali é cresciuta: Seether, Porcupine Tree, Alter Bridge e Alice in Chains. Con armonizzazioni di chitarra, riff di chitarra pesanti, una combinazione di voci pulite e piú pesanti sempre legate da una sezione ritmica serrata, i The Issue portano il proprio stile nel rock moderno.

La scheda: Simone Piva e i viola velluto

Immagine
Bio:
Band friulana capitanata da Simone Piva con 6 album all’attivo e che fa del suo genere western un’unicità a livello nazionale. Attivi dal 2009, propongono nel 2019 il loro nuovo album “Fabbriche, polvere e un campanile nel mezzo” per le etichette Toks Records e Music Force.

Un italiano, all'improvviso

Immagine
Ieri mi trovavo a parlare con un amico di discutibili quanto inaspettati "inserti" italiani in canzoni anglofone ed é subito nata (da parte sua) l'idea di questo mini articolo. Si, perché a volte capita di trovare un po' di Italia nel metal internazionale.

Vediamo qualche esempio.
(Ovviamente sono sicuro ce ne saranno degli altri, se vi viene in mente qualcos'altro fatemelo sapere nei commenti, per favore)

Tool - Message to Harry Manback
Una "canzone" dei Tool che non ti aspetti, grosso modo posta a metá disco Aenima: non é altro che un messaggio (reale) ricevuto in segreteria telefonica da parte di un ragazzo italiano che augura il peggio (a metá fra italiano e inglese) ad una persona. Si crede sia rivolto ad un vecchio coinquilino di Maynard, ma non c'é certezza. La leggenda narra, tra l'altro, che il tipo degli insulti una volta si presentó a casa senza essere invitato e fu conseguentemente cacciato dopo essersi spazzolato l'intero frigo …

Recensione: Sons Of Apollo – Live With The Plovdiv Psychotic Symphony (2019)

Immagine
Sapete chi sono i Sons of Apollo, vero? Esatto, un ennesimo supergruppo con Mike Portnoy.
Li avevamo lasciati due anni fa (sono giá passati due anni?!?!?!?) con il debut Psychotic Symphony (clicca per la recensione). Da quella recensione copio-incollo gli altri protagonisti della band, guardate quanto sono vile: Derek Sherinian alle tastiere, poi Ron “Bumblefoot” Than alla chitarra, Billy Sheehan al basso e Jeff Scott Soto al microfono.

Ascolti di agosto 2019

Durante questo agosto ho ascoltato tanta musica (come sempre), ma non ho ascoltato album in particolare con assiduità, a parte l'ultimo album di Chris Cornell, Higher truth (che in realtà manco mi fa impazzire) e, solamente da un qualche giorno, il nuovo live con tanto di orchestra dei Sons of Apollo, ennesimo super gruppo con Mike Portnoy fra i protagonisti. Scriverò la recensione domani, probabilmente.